“Famiglia all’improvviso – istruzioni non incluse”: record di incassi al Box Office

Film di grande successo in Francia e in Italia

0

Famiglia all’improvvisoIstruzioni non incluse” è il fenomeno cinematografico che ha debuttato recentemente nelle sale. A pochi giorni dalla sua uscita è stato già record di incassi al Box Office, prima in Francia e poi anche qui in Italia.

Le riprese del film sono state realizzate nel 2016 in Francia e vede come protagonisti il bel Samuel, interpretato da Omar Sy e la piccola Gloria Colston (Gloria). A differenza della giovanissima attrice che debutta per la prima volta proprio con questo film, Omar Sy è un volto già noto. Come non si può ricordare la sua celebre interpretazione nella pellicola “Quasi Amici” nei panni dell’infermiere improvvisato Driss; interpretazione che gli valse due grandi premi: il Premio César (2012) e il Premio Lumière (2012).

In “Famiglia all’improvviso“, Omar interpreta un giovane incallito che trascorre i giorni in modo dissoluto senza sentirsi nessun carico di responsabilità sulle spalle. A sconvolgere questo stile di vita è un evento del tutto inaspettato: un giorno bussa a casa sua una vecchia fiamma, Kristin – all’inizio neanche riconosciuta da Samuel– che gli pone tra le braccia una bambina neonata di pochi giorni,sua figlia, per poi sparire subito dopo in un taxi. Samuel non accetta uno sconvolgimento così grande e quindi, all’inizio, tenta di ritrovare invano Kristin (Clémence Poésy). Nonostante il grande cambiamento nella sua vita, Samuel assume il ruolo di padre per ben otto anni, stringendo con Gloria un legame bellissimo ed indissolubile.

Proprio questo legame dovrà superare delle prove difficilissime: dopo otto anni a sconvolgere la vita di Samuel e Gloria e la “Famiglia all’improvviso” sarà la notizia di una malattia (che colpirà uno dei due), il ritorno di Kristin, una rivelazione su Gloria e un risvolto alquanto drammatico.

Andare oltre, però, significherebbe “spoilerare” troppo in merito alla trama, quindi basti sapere per chi vuole ancora vedere il film, che ne vale davvero la pena. La vicenda, infatti, non è prevedibile e scontata, a differenza di quanto si potrebbe pensare considerando che il film è una rivisitazione di un’altra pellicola cinematografica messicana.

Dunque, non resta nient’altro da aggiungere se non: buona visione!