Fase 2, piscine, palestre e centri danza: possibile riapertura a maggio

Il piano per la riapertura dei centri sportivi

0
Palestra, fonte Flickr
Palestra, fonte Flickr

Nel dibattito sulle attività che viaggiano verso la riapertura sono finite anche palestre, piscine, centri danza e impianti sportivi. In molti si chiedono quando potranno ritornare a svolgere attività fisica, ma prima sarà necessario adeguare le strutture agli standard di sicurezza per non alimentare il contagio.

Il Ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, nel corso dell’intervento nella trasmissione Omnibus, su La7, ha fornito importanti indicazioni in tal senso, annunciando che il governo è al lavoro per permettere la riapertura nel mese di maggio, salvo complicazioni. Nulla è ancora deciso, dunque, ma l’idea è quella di riaprire quanto prima:

“Stiamo lavorando al protocollo per la riapertura delle palestre, dei centri danza e di tutti i centri sportivi del territorio, lo sottoporremo quanto prima al Comitato tecnico-scientifico, perché a maggio vorrei tanto che riaprissero in sicurezza anche questi altri centri, insieme ovviamente a tutti gli sport di squadra, al calcio e a tutti gli altri”. Poi aggiunge:

“Gradualmente dobbiamo consentire a tutti di tornare all’attività e le strutture più piccole, che magari non avranno le risorse per potersi mettere in regola per tutte le misure sanitarie dovranno essere aiutate da un fondo che io sto creando nel decreto di aprile che nei prossimi giorni ci auguriamo di approvare nel consiglio dei Ministri.

Tutti vogliono tornare a fare sport e non soltanto gli atleti di rilevanza nazionale: ci arriveremo un po’ alla volta, dobbiamo procedere per scaglioni. Spero che da qui a fine maggio, settimana dopo settimana, si possano riaprire tutti i settori in sicurezza”. Ha concluso Spadafora.