Festa del Cinema di Roma: I Rolling Stones in gara

0
rolling stones

All’ undicesima edizione della festa del cinema di Roma è stato presentato in concorso il documentario ” The Rolling Stones Olé Olé Olé : A Trip Across Latin America” regia di Paul Dugdale.
La pellicola segue il gruppo nell’ ultimo tour tenutosi in sud America, dopo un’ assenza di più di 20 anni dalle scene latino Americane.

Questa non è la prima collaborazione fra la famosa rock band ed i produttori Jiulie Jakobek e Peter Worsley: sono quattro i film prodotti sulla vita artistica del gruppo, l’ultimo dei quali riguardante il concerto tenutosi all’ Avana, durante lo stesso tour, difronte a 1,2 milioni di spettatori.
La scelta di fare un documentario a parte sul concerto di Cuba è nata strada facendo, verificando il successo riscosso all’evento.

Ció che differenzia questo docufilm dagli altri è la sua natura itinerante e dinamica; connubio vincente fra realtà e finzione, presenta un taglio attuale, apportato dai due giovani produttori.

Infatti, alla domanda – ” quanta realtà è quanta finzione scenica è presente nel film?”-, Peter Worsley risponde così :
” il film ha lo scopo di esplorare i confini della band. Ci sono parti pianificare ed altre che non lo sono, un ibrido. Lasciamo che il pubblico possa ancora desiderare di indagare sul mito dei Rolling Stones”

In effetti sono molti gli aspetti “reali” sottolineati dal film: sebbene i Rolling Stones non siano portatori di veri ideali “politici”, la rivoluzione sociale e culturale ispirata dalla loro musica ha molto da condividere con le popolazioni sud Americane.

Così diventa evidente il doppio fine del regista Dugdale, ovvero quello di dare voce ad un popolo sottomesso a regimi repressivi dei diritti fondamentali, dove la crisi economico-sociale è all’ ordine del giorno.

Ci si domanda comunque come sia possibile che una band nata negli anni ’60 sia, dopo quasi 50 anni, ancora sulla cresta dell’onda onda, con un repertorio apprezzato in tutto il mondo.
Secondo Peter il segreto vincente sta nella complicità e nell’ entusiasmo, misto ad una buona dose di creatività.
“Rispetto agli esordi il rapporto del quartetto sembra essersi ancor più rafforzato” – continua il produttore – ” con Ronnie che agisce da pacificatore e la voglia di diffondere il proprio amore viscerale per il Rock and Roll.
Anche la presunta rivalità fra i Rolling Stones e i The Beatles ha acceso il dibattito durante la conferenza stampa. Per quanto si tratti di un tema scottante, Peter ha subito provveduto a smentire. Pare infatti che la competizione sia solo una costruzione mediatica e che, anzi, fra le due band scorra buon sangue e reciproco rispetto; insomma, solo una trovata per acuire i rumors dei fans.

Infine voci indiscrete confermerebbero l’uscita a breve di un nuovo album, progetto discusso già durante il tour.
I Rolling Stones si confermano dunque inarrestabili, come sempre.