“Flatliners – Linea Mortale” tra critiche e attese arriverà al cinema il prossimo 23 novembre!

0
In foto, l'attore Kiefer Sutherland che compare sia nel film "Linea Mortale" del 1990, che nel sequel "Flatliners" del 2017. (Fonte immagine: commons.wikimedia.org)

Almeno una volta nella vita vi sarà sicuramente capitato di chiedervi: c’è vita dopo la morte? In che cosa consiste l’aldilà? Ebbene, questi stessi interrogativi muovono i protagonisti del nuovo film del regista Niels Arden Oplev. Si tratta, appunto, della pellicola Flatliners – Linea Mortale” che uscirà nelle sale italiane il prossimo 23 novembre.

Trama

Tre giovani studenti di medicina, Sophie, Jamie e Marlo sono convinti dalla loro collega Courtney a sottoporsi a degli esperimenti che prevedono cicli continui di interruzioni delle loro normali funzioni vitali e continue rianimazioni. In questo modo, infatti, Courtney è convinta di poter esplorare il “dopo-morte”, di cui è completamente ossessionata. I risultati ottenuti sono positivi, ma questi “viaggi nell’aldilà” sono pericolosi e ben presto portano i ragazzi al contatto con il paranormale. Il film lascia chiunque lo guardi sul filo del rasoio. D’altronde sono gli stessi protagonisti a muoversi su un filo, oscillando continuamente dal normale al paranormale.

Flatliners“, realizzato a Toronto nel 2016, ha richiesto un investimento di 19 milioni di dollari e un cast d’eccezione. In esso, infatti, ritroviamo i celebri attori: Ellen Page (Courtney), Diego Luna (Ray), Nina Dobrev (Marlo), James Norton (Jamie), Kiersey Clemons (Sophia) e Kiefer Sutherland (Dott. Nelson Wright). Appare doveroso ricordare, inoltre, che proprio Sutherland svolge un ruolo importante nella pellicola. L’attore non ha un ruolo fondamentale nella trama, ma rappresenta una linea di continuitàperché compare in entrambi tra il film “Linea Mortale” del 1990 e il suo sequel “Flatliners”. 

Critica

Flatliners” è stato molto atteso a partire dall’uscita del primo trailer a giugno di quest’anno. Tuttavia, negli Stati Uniti, dove è stato già trasmesso il 29 settembre ha avuto un riscontro critico negativo. Pare, infatti, che le alte aspettative del film abbiano deluso i numerosi che attendevano la sua uscita. La trama, in effetti, potrebbe risultare un po’ scontata e priva di una propria identità, dati i continui riferimenti a generi diversi.

Quale sarà il riscontro in Italia?