Formula 1: Gran Premio di Azerbaijan, vince a sorpresa l’inglese Lewis Hamilton!

0
Fonte: Instagram

Il Gran Premio dell’Azerbaijan è stato avvincente fino alla fine, tanto che a vincerlo è stato il quattro volte campione del Mondo Lewis Hamilton il quale approfittando di una foratura alla gomma posteriore del compagno di scuderia Valtteri Bottas, conquista la sua prima vittoria stagionale a Baku. Precedono l’inglese il finlandese della Ferrari Kimi Raikkonen (2° posto) e il messicano della Force India Sergio Perez (3° posto).

VETTEL INIZIA BENE, MA POI UNA MANOVRA AZZARDATA LO PENALIZZA – ma uno dei delusi della gara, oltre ai vari Bottas, Grojean, Ricciardo, Ocon e Sirotkin, è sicuramente il tedesco della Ferrari Sebastian Vettel, oggi partito davanti a tutti tanto che la posizione l’ha mantenuta fino a metà gara (quando è entrata in pista la safety car a causa di una collisione tra le Red Bull di Verstappen e Ricciardo). Poi verso il finale di gare lo stesso ex leader Mondiale mette a segno un sorpasso su Bottas, ma subito dopo commette un errore che gli costa la 4° posizione finale.

DISASTRO RED BULL – è ancora incandescente l’aria che circola intorno al pilota australiano Ricciardo e all’olandese Verstappen, quest’ultimo si è reso ancora una volta protagonista (in negativo) il quale è costato l’ennesimo ritiro delle due monoposto della scuderia austriaca. Siamo al giro 27°, l’australiano prova l’affondo verso il compagno di squadra, quindi prova l’esterno ma subito cambia (vedendosi chiudere dallo stesso Verstappen) strategia provandolo a superare all’interno. A questo punto succede l’incidente che costa l’ennesimo ritiro per la Red Bull. Oramai gli uomini della scuderia austriaca non possono più lasciar correre questi episodi o altrimenti rischiano di ritrovarsi di fronte a un caso simile quello della Mercedes di 4 anni fa…

TANTA SFORTUNA ANCHE PER BOTTAS – forse Valtteri Bottas doveva essere il vero vincitore del Gran Premio di Baku. il Finlandese dall’entrata della safety car fino a pochi giri dal termine era il leader della gara. Poi la stessa si è di nuovo ribaltata quando una delle ruote della monoposto numero 77 è scoppiata a causa di un detrito rimasto sull’asfalto il quale ha impedito al Finlandese di festeggiare la prima vittoria stagionale.

SORRIDE CHARLESE LECLERC – se nel Gran Premio di Shanghai tutti noi abbiamo applaudito il giovane francese della Toro Rosso Pierre Gasly per i primi punti conquistati in carriera, oggi bisogna applaudire il giovane monegasco scuola Ferrari che, dopo la conquista della 13° posizione di ieri, nella 4° prova del Mondiale di Formula 1 sale fino in 6° posizione, davanti al due volte campione del Mondo Fernando Alonso. Ottima risultato per un ragazzino arrivato nel Mondo della Formula 1 dopo aver vinto l’anno scorso quello di F2. Inutile dire che la scuderia di Maranello ha in mente un grande progetto per lui e chissà se il pilota dell’Alfa Romeo-Sauber l’anno prossimo possa già guidare un volante della “rossa” dopo l’addio di Raikkonen…

TANTI DUELLI, SORPASSI E SCONTRI – anche qui i tifosi delle quattro ruote hanno assistito a sorpassi straordinari e a duelli incredibili, spesso molto al limite (come lo scontro tra Raikkonen e Ocon in curva due) oppure il derby tra le due Renault con le Red Bull da parte dello spagnolo Carlos Sainz e del tedesco Nico Hulkenberg. Per non parlare del disastro del francese Romain Grojean andandosi a schiantare praticamente da solo in una delle curve del tracciato di Baku rovinando così una sua personalissima gara fatta in rimonta fino al quel momento.