Genova, demolito il ponte Morandi

0
Ponte Morandi

La struttura dell’ex viadotto Morandi di Genova è collassata alle 9:37 di questa mattina, durante l’operazione di implosione controllata con la dinamite e il plastico collocati su piloni e stralli delle pile 10 e 11 del ponte. Quasi 11 mesi dopo la tragedia che lo scorso agosto ha sconvolto il comune ligure e l’intero Paese, possono dunque ufficialmente partire le operazioni di ricostruzione.

Hanno assistito all’implosione controllata il sindaco di Genova Marco Bucci, il governatore Giovanni Toti e i ministri dell’Interno Matteo Salvini, dello sviluppo economico Luigi Di Maio e della Difesa Elisabetta Trenta. L’intera operazione è stata guidata dall’esperto esplosivista Danilo Coppe e il tutto è avvenuto nel rispetto dei modi e dei tempi precedentemente annunciati. In breve tempo la nube di polvere provocata dalla caduta delle pile si è dissolta dall’area del cantiere e si è dispersa verso le colline, mentre gli idranti hanno continuato a buttare acqua sulle macerie.

E’ andato tutto secondo programma. Ritardo dovuto alla segnalazione di una persona in un appartamento. Alle 9,37 il ponte e venuto giù“, ha dichiarato il sindaco e commissario Marco Bucci ringraziando “tutti quelli che hanno lavorato. Un grande lavoro che va riconosciuto“. Dopo la demolizione delle pile, il vicepremier Matteo Salvini si è dichiarato “totalmente fiducioso” in merito ai lavori di ricostruzione.