Gino Sorbillo: la foto inedita con Antonio Cannavacciuolo per una challenge

0
Gino Sorbillo, fonte: profilo ufficiale Instagram

Ad aderire ad una delle tante challenge che impazzano sui social è Gino Sorbillo, noto pizzaiolo partenopeo. Durante questa lunga quarantena, nei vari social network si è scatenata la moda delle challenge, un modo come un altro per distrarre i tanti utenti.

LA CHALLENGE – Tra le tante challege che impazzano sui vari social come facebook e, soprattutto, Instagram, c’è una molto gettonata anche tra i vip. Si tratta di pubblicare una foto scattata almeno dieci anni. È questo il motivo che ha spinto Sorbillo a pubblicare uno scatto inedito, in cui il giovane pizzaiolo è in compagnia di un volto noto della ristorazione italiana: Antonio Cannavacciuolo.

LO SCATTO INEDITO DI SORBILLO – Nella foto in questione appare un giovane Gino Sorbillo insieme ad un altrettante giovane Cannavacciuolo. “Sfida accettata: dieci anni fa con Antonio Cannavacciuolo al Lido Balneare Il Bikini a Vico Equense”, ha così scritto il pizzaiolo su Facebook.

I COMMENTI DEGLI UTENTI – Lo scatto è stato condiviso sul web, venendo sommerso dai vari commenti dei fan di entrambi i cuochi. In molti sono rimasti sbalorditi nel constatare il fatto che Gino sia rimasto lo stesso di 10 anni fa, ma non sono mancati neanche i commenti verso Cannavacciuolo e le sua folta chioma bruna. Importante, però, è la solida amicizia tra i due cuochi che sembra durare da tanto.

LA CARRIERA – I nomi dei due cuochi sono conosciuti ormai in tutta Italia. Cannavacciuolo, oltre al lussuoso ristorante “Villa Crespi”, è famoso anche grazie ai programmi televisivi come Masterchef ItaliaCucine da Incubo Italia e tanti altri. Gino Sorbillo, invece, è conosciuto per aver fondato una delle pizzerie più conosciute di Napoli. Infatti, sono tanti, anche tra i vip, i clienti che frequentano la pizzeria.

Sfida accettata : 10 anni fa con Antonino Cannavacciuolo Antonino Cannavacciuolo al Lido Balneare Il Bikini a Vico Equense 🍽💯🔗💙 #Amicizia #MasterChef

Gepostet von Gino Sorbillo am Donnerstag, 2. April 2020