venerdì, Giugno 21, 2024
HomeSpettacoloGossipGiovanni Ciacci indagato per ricettazione querela Freccero: "Procederò per vie legali"

Giovanni Ciacci indagato per ricettazione querela Freccero: “Procederò per vie legali”

Il volto di Tv8 ha fatto sapere al direttore Freccero tramite un post su Instagram di aver contattato i suoi legali.

Giovanni Ciacci, volto noto di Tv8 ma anche ospite da Barbara D’Urso in veste di opinionista, è stato indagato per ricettazione ed il procedimento è in corso ormai da cinque anni. Al momento, però, non c’è stata nessuna condanna e Ciacci si trova ancora al primo grado.

A svelare la notizia è stato proprio lui al Fatto Quotidiano in risposta ad alcune accuse mosse da Carlo Freccero, il quale aveva parlato di condanna, nonostante non ci fosse. “Giovanni Ciacci ha avuto un problema con la Rai, ha avuto una condanna e non poteva più essere a Detto Fatto. E’ stato lui a dare le dimissioni” si legge.

“Procederò per le vie legali nei confronti del direttore Freccero. Ad oggi io non ho ricevuto nessuna condanna. C’è un procedimento in corso che dura da cinque anni, siamo ancora al primo grado di dibattimento. Lo scriva: nessuna condanna” ha dichiarato Ciacci, il quale ha deciso di querelare il direttore.

“Vivendo in uno Stato di diritto, questo deve saperlo anche Freccero, un soggetto è innocente fino al terzo grado di giudizio e io non sono ancora al primo. La causa è in corso perché ho preso un vestito dalla Rai di Napoli senza la bolla e l’ho portato a una mostra di Gattinoni sulla televisione, dove la Rai era lo sponsor principale. Io per aver portato un vestito senza bolla sono stato indagato per ricettazione. Io ho solo portato il vestito da una parte all’altra. Forse ci sono altri motivi che io non so. Credo nella giustizia, questo dibattito dura da cinque anni ed è stato rimandato più volte. I contribuenti che pagano il canone hanno speso soldi per questo processo inutile che ad oggi sarà costato più di 50 mila euro. Me ne sono andato dalla Rai perché Detto Fatto stava affondando e io sentivo che era così. Il programma non era più quello di una volta, è finito con l’andata via di Caterina Balivo” ha tuonato l’ex volto di Detto Fatto.

Su Instagram Giovanni Ciacci ha fatto sapere al direttore Freccero di averlo querelato: “Carissimo Direttore Freccero prima di dire cose inesatte sulla mia persona si informi dal bravissimo ufficio legale che è situato al piano di sotto a lei a Viale Mazzini. La saluto e ci vedremo presto in tribunale, perché io dico solo cose vere, verissime!!! Bacioni (citaz non casuale). Giovanni Ciacci”.

In passato venne posta una domanda al costumista in merito alle sue numerose comparse sia in Rai sia alla Mediaset. In quell’occasione Ciacci rispose che non riusciva a vedere dove fosse il problema, tirando in ballo anche Belen. “Perché questa domanda non la fate a Belen, visto che passa da Rai a Mediaset in continuazione? Io non ho un contratto con nessuno, sono libero professionista. Lavoro a Detto Fatto, mi chiamano a Mediaset in una trasmissione che tra l’altro mi piace tantissimo, quindi perché dire di no? La televisione si fa più per divertimento che per il conto in banca, almeno al mio livello” dichiarò ad aprile.

Valentina Sammarone
Valentina Sammarone
"Giornalismo è diffondere ciò che qualcuno non vuole si sappia; il resto è propaganda. Il suo compito è additare ciò che è nascosto, dare testimonianza e, pertanto, essere molesto." (Horacio Verbitsky)
POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME