Giro d’Italia in Sardegna: l’esperienza unica di viverlo dal mare

0
fonte foto: Wikipedia Commons

Quest’anno grande partenza del Giro d’Italia che ha visto come protagonista della centesima edizione la Sardegna e più precisamente Alghero, Olbia, Tortolì e Cagliari.

Un grande bagno di folla ha salutato ad Alghero la partenza dei ciclisti che ha proseguito per le tre tappe tra il verde della terra selvaggia ed il blu intenso del mare della Sardegna. Uno splendido angolo di paradiso che ha reso orgoglioso il ciclista Fabio Aru.

Un percorso fantastico a “moto ondoso” per via delle curve caratteristiche del percorso seguito, lungo la costa orientale dell’Isola, attraversando le località di: Alghero, Sassari, Sennori, Marritza, Castelsardo, Badesi, si sfiora Costa Paradiso, Rena Majore, Santa Teresa Gallura, Porto Pozzo, Palau, Cannigione, San Pantaleo, Portisco, Olbia.

Poi il secondo step: Olbia, Loiri, Padru, Alà dei Sardi, Buddusò, Bitti, Orune, Nuoro, Oliena, Dorgali, Baunei, Santa Maria Navarrese e Tortolì.
E infine lo sforzo finale, la terza e ultima parte che ha attraversato i paesi di Villasimius, Solanas, Geremeas, Terra Mala, Sant’Andrea, San Bartolomeo e arrivo a Cagliari.

Un bellissimo weekend che ha permesso a molti cagliaritani di approfittare dell’arrivo della bella stagione per raggiungere la partenza e l’arrivo dei ciclisti, anche in barca a vela.

Sul molo di Cagliari, infatti, la flotta CS Charter, che da anni organizza delle mini crociere e weekend in barca a vela, ha invitato a bordo tantissimi cagliaritani come Monica e Giampiero. Questa coppia ci ha raccontato la meravigliosa esperienza vissuta a bordo di una delle barche di Davide Gorgerino, in direzione Alghero “Giro d’Italia”.

Monica, 32 anni: “Partendo da Cagliari il giorno precedente alla partenza del Giro D’Italia abbiamo goduto di un tramonto mozzafiato. Abbiamo fatto un bellissimo giro lungo le coste della parte orientale dell’Isola e poi rada al porto di Alghero. Ci siamo goduti tratti del percorso dei ciclisti nella parte finale, quando la gara ha costeggiato le zone di Villasimius e Torre delle Stelle. Direi una meravigliosa esperienza, soprattutto, grazie alla cordialità ed alla disponibilità degli skipper a bordo che hanno saputo infondere, nel nostro gruppo, lo spirito di collaborazione e di squadra. Tutti uniti come in un vero team di marinai!”