Giulia De Lellis, parla l’autrice del libro: “Non è così delirante che abbia scritto per Giulia”

Stella Pulpo, ghostwriter, ha svelato alcuni dettagli sul libro dell'ex protagonista di Uomini e Donne.

0
Giulia de Lellis Festival Cannes
Giulia de Lellis Festival Cannes

“Le corna stanno bene su tutto. Ma io stavo meglio senza”, primo libro dell’esperta di tendenze Giulia De Lellis, è ancora ai vertici delle classifiche dei libri più venduti. La storia dell’ormai famoso tradimento di Andrea Damante, ex fidanzato conosciuto all’interno degli studi di Uomini e Donne, è sulla bocca di tutti e ha attirato l’attenzione di numerose persone, soprattutto fan della (ex) coppia.

La nota esperta di tendenze ha girato parecchi salotti televisivi per promuovere il suo libro, rilasciato numerose interviste e comunicato attraverso i suoi canali social da milioni di seguaci; seconda solo a Chiara Ferragni. Tuttavia, la ragazza ha dimostrato più volte in passato di non essere una grande fan della lettura e dello studio in generale, pertanto la presenza di una ghostwriter è stata, in questo caso, fondamentale per la realizzazione del progetto.

Stella Pulpo, autrice del blog Memorie di una vagina, ha rotto il silenzio e svelato alcuni dettagli molto interessanti sul libro e sui suoi protagonisti. Secondo la scrittrice, questo progetto ha attirato numerosi lettori poiché si toccano temi comuni: “La delusione, lo schifo, la rabbia, il distacco, quando ci ricadi e dai la seconda possibilità. Chi non l’ha data?”.

La Pulpo ha rilasciato un’intervista al Corriere della Sera e ha ammesso le perplessità iniziali: “Non è così delirante che abbia scritto per Giulia. Avevo perplessità, poi ho capito che parlare con una donna diversa da me era un atto femminista, perché essere femminista significa stare dalla parte di ogni donna“.

In che rapporti sono adesso la scrittrice e l’esperta di tendenze? “Sono solo diventata l’amica più vecchia e secchiona che ti aiuta a vedere le cose da un’altra prospettiva. Raccontarsi le ha fatto bene. All’inizio non voleva, diceva: ho paura di piangere questo morto che non ho ancora pianto” ha dichiarato Stella Pulpo.