Giuntoli ha già pronte delle cessioni per gennaio: Llorente e Milik ai saluti

0

Tra poche ore il Napoli si giocherà l’accesso ai sedicesimi di finale contro la Real Sociedad: allo stadio Diego Armando Maradona si osserverà un minuto di silenzio prima della partita per onorare la morte del campione del mondo ’82 Paolo Rossi. Gli azzurri attualmente guidano il gruppo F della Europa League con 10 punti, ma i baschi e l’AZ Alkmaar hanno otto punti, ragion per cui ci sono ancora chance di essere eliminati: vietato, dunque, sbagliare.

In vista della prossima sessione di calciomercato, il DS Cristiano Giuntoli ha già le idee molto chiare sul da farsi: prima di tutto, mettere a punto varie cessioni. Sono diversi i calciatori che avrebbero già dovuto lasciare Castel Volturno la scorsa estate, ma per vari motivi non è stato così semplice.

Tra gli indiziati alla partenza, ci sono due attaccanti e un terzino. Arek Milik è uno dei primi della lista: il polacco è ormai fuori rosa e fuori dai piani di Gennaro Gattuso. Il suo principale interesse è quello di giocarsi le sue carte per farsi convocare dalla Nazionale polacca in vista di Euro 2021. Su di lui c’è stato a lungo l’Inter ma anche la Juventus. Ultimamente non ci sono state molte voci di club italiani, per cui non è da escludere un suo trasferimento all’estero.

L’altro attaccante che lascerà Napoli è Fernando Llorente. Lo spagnolo non ha mai trovato spazio né nell’undici titolare né tra le riserve di Gennaro Gattuso ed è uno dei calciatori che maggiormente è stato danneggiato dall’avvicendamento tra Carlo Ancelotti e il suo ex calciatore ai tempi del Milan. In molti lo vogliono in Spagna, tra cui il Villarreal.

Un’altra partenza probabile è quella di Malcuit che non è mai riuscito a esplodere né ad affermarsi. Anche per lui la pista più realizzabile è la cessione all’estero. Per quanto riguarda, invece, movimenti in entrata, alla luce di queste cessioni, è possibile che il Napoli voglia coprire un buco sulle fasce e comprare un altro attaccante. Tra i nomi caldi sulla fascia c’è quello di Emerson Palmieri del Chelsea, che però è seguito da tempo anche dall’Inter di Antonio Conte.