Gli attaccanti top non sfondano, splende solo Higuain

0

Asta del fantacalcio di settembre: foglietti alla mano coi nomi preferiti, coi propri obiettivi. Si sa, il reparto fondamentale è senza dubbio l’attacco. Serve gente che garantisca facili +3 e continuità per sognare la vetta della classifica.

I top attaccanti della Serie A sono definiti, ormai che il mercato è concluso: Icardi (capocannoniere 2014-2015) con la fascia al braccio dà sempre più sicurezza, Dzeko pronto a diventare il nuovo imperatore di Roma, e Higuain che deve rinascere dopo un brutto finale di stagione.

Ma… chi ha puntato su di loro può ritenersi soddisfatto?

Icardi

Goal: 3

Media voto: 5,78

Media voto (con bonus): 6,89

Non rende col nuovo modulo:  non tocca molti palloni (ha fatto scalpore la sua intervista “I miei compagni me la passano poco”), non segna con continuità e spesso prende voti insufficienti. Deve ancora trovare il suo estro da bomber in questa nuova Inter. L’esclusione della scorsa giornata non deve far paura: il Mancio punta molto sul suo capitano e attende il suo ritorno alla vetta della classifica marcatori. Ma quanto dovrà aspettare?

 

Dzeko

Goal: 2

Media voto: 6,1

Media voto (con bonus): 6,6

Queste ultime settimane sono state in salita per il bosniaco, che ha passato un brutto ottobre a causa dell’infortunio e della mancanza di gol. Le prestazioni sono buone, si sacrifica molto per la squadra e spesso regala palle importanti ai propri compagni di reparto. A inizio stagione i gol sembravano scontati, ora un po’ meno. Saprà comportarsi da vero numero 9?

 

Higuain

Goal: 9

Media voto: 6,88

Media voto (con bonus): 9,29

Il re indiscusso di questo fantacalcio. I dati parlano da sé. Garantire una media del 9,29 è qualcosa di incredibile, il sogno di ogni fanta-allenatore. Ogni pallone che tocca è un tiro pericoloso, che spesso si trasforma in un +3. Da segnalare anche i molti pali colpiti dal pipita. Continuerà ad essere il re del fantacalcio?

 

Escluso il Pipita, i grandi nomi per ora non hanno sfondato. Garantiscono continuità i nomi meno caldi: senza alcun dubbio Èder, capocannoniere insieme ad Higuain e Bacca, arrivato in rossonero tra molti dubbi, per ora ha siglato 6 gol. La sorpresa Kalinic è senza dubbio da segnalare: 7 gol fanno sognare chi ha puntato sull’attaccante ex Dnipro, fortemente voluto da Paulo Sousa.