Gli episodi musical nelle serie tv: quando la serialità incontra Broadway

0

Si sa, agli americani piacciono i musical, e non è un caso che questo genere abbia sempre più successo, anche nel campo della cinematografia (un esempio recente è il rinomato La la land). Ma cosa succede quando questo genere si sposta anche nelle serie tv? Di certo possono nascere serie come Glee, Smash o Empire, che fanno dell’elemento musicale il centro della trama. Ma a volte nascono risultati ancora più interessanti in serie che con i musical non ci azzeccano nulla: i cosiddetti episodi musical.

Uno dei primi episodi di questo genere è stato il settimo episodio della settima stagione di Buffy: un antico demone invade la cittadina di Sunnydale (dov’è ambientata la serie), costringendo tutti gli abitanti a ballare e cantare. Toccherà ai protagonisti risolvere la situazione. Tutto il cast principale della stagione si è ritrovato a cantare, e per interpretare il cattivo dell’episodio è stato scelto l’attore di Broadway Hinton Battle, all’epoca fresco del successo con il musical The Wiz. La colonna sonora è stata completamente originale, ed è stata composta, ispirandosi al celebre compositore di musica teatrale Stephen Sondheim, dallo stesso regista della serie Joss Wheadon, che aveva alle sue spalle degli studi in ambito musicale

La mania del musical ha contagiato anche l’ospedale Sacro Cuore! Nel sesto episodio della sesta stagione di Scrubs, infatti, un paziente inizia ad immaginare tutti i medici e i pazienti interagire attraverso canzoni. Anche qui, gli interpreti sono stati tutti i membri del cast, che alle spalle avevano esperienze di teatro, e i brani sono stati realizzati come parodie a famosi brani di musical. A comporre le canzoni, con l’aiuto di altri, è stata la regista dell’episodio, Debra Fordham.

 

Sempre in un’altra serie con protagonisti medici, è stato realizzato un episodio musical. Stiamo parlando di Grey’s Anatomy, che con il diciottesimo episodio della settima stagione si aggiunge alla lista di serie che hanno omaggiato il genere musical. L’episodio ruota attorno ai personaggi di Callie e Arizona, che hanno subito un incidente automobilistico. La prima finisce quasi incosciente, e questo stato le fa immaginare lei e i suoi colleghi esprimersi attraverso le canzoni. A differenza degli altri episodi sopra elencati, in questo caso gli attori si cimentano in alcune cover, tra cui How to save a life della band The Fray e Chasing cars degli Snow Patrol. Solo due membri del cast avevano esperienze professionali di musical, Sara Ramirez (Arizona) e Chandra Wilson (la dottoressa Bailey) ma gli altri furono aiutati da dei vocal coach.

Le ultime due serie che si sono aggiunte all’elenco sono state Supergirl e The Flash, con il loro crossover musicale andato in onda questa settimana negli Stati Uniti, il diciassettesimo episodio della terza stagione di The Flash. In questa puntata, i due supereroi sono vittima dell’attacco di Music Meister (interpretato da un eccezionale Darren Criss, che è ritornato a lavorare con Grant Gustin e Melissa Benoist dopo Glee), e si ritrovano in una sorta di coma in un mondo parallelo-musical. I due, grazie alle loro abilità sia di eroi che di artisti, devono riuscire a salvarsi. Questo episodio ha comportato il ritorno di grandi voci di Broadway che avevano partecipato alle stagioni precedenti di Flash e non solo, quali Victor Garber e John Barrowman, oltre ad aver esaltato le capacità vocali dei membri del cast delle due serie, quasi tutti con un passato di teatro musicale. I brani di questo episodio sono tutti originali, e fra i compositori spiccano gli autori della colonna sonora di La la land, freschi di Oscar.

https://www.youtube.com/watch?v=-BD2pJox7ao

 

Nell’elenco ci sono moltissime serie che non ho presentato nell’articolo, ma queste erano sicuramente le più rilevanti. Prossimo appuntamento? Il ventesimo episodio della sesta stagione di Once upon a time, che a maggio andrà in onda negli Stati Uniti.