Gollini out per un trauma contusivo

0

Alla vigilia della partita di domani del Napoli contro la Lazio, Pierluigi Gollini si è fermato per un trauma contusivo alla mano destra

Tegola per i partenopei, che dovranno probabilmente fare a meno di Pierluigi Gollini per la sfida di domani. Il secondo portiere del Napoli è uscito anzitempo dal campo a causa di un trauma contusivo alla mano destra. Nulla di grave, ma per precauzione è probabile stia fermo.

Il portiere ex Atalanta e Tottenham si sta, pian piano, prendendo Napoli risultando come uno dei giocatori più legati ai tifosi in questo momento. Tanto da essere stato in prima linea durante i festeggiamenti per il terzo scudetto dei partenopei.

Gollini a tutto tondo

In un’intervista di qualche mese fa il portiere italiano ha rilasciato le seguenti dichiarazioni: “Per un ragazzo italiano, vincere uno scudetto è qualcosa di unico che ripaga tutto ciò che è stato sacrificato in carriera. Poi qua a Napoli è specialeCome mi preparo sui rigori? Quello è il momento in cui ho poche pressioni, perché se non la pari non hai colpe e se la pari sei un eroe. Un rigore per me è un momento di esaltazione. Diciamo che si tratta di un misto tra studio e istinto: se oggi aspetti gli attaccanti fino all’ultimo prendi gol, tirano troppo forte. L’essenza del portiere è comunque quella dell’istinto. Napoli è speciale perché per il mio carattere è la città adatta. Per l’arte, per l’amore per il calcio che è differente e lo senti. Quello che abbiamo vissuto non è che la prova. Quando mi sono avvicinato al calcio? Avevo 4 anni, ma ho iniziato a giocare in porta molto tardi. Non mi ci facevano mai giocare! Sono andato alla SPAL da difensore, poi verso gli 11 anni mi hanno finalmente fatto provare e da lì non sono più uscito”.