Grecia: test obbligatori per turisti dal Veneto, Emilia, Lombardia e Piemonte. Zaia: “Allucinante”

Se il test risulterà negativo, il passeggero si metterà in auto-quarantena per 7 giorni. Se positivo, la quarantena sarà di 14 giorni

0
Foto di Google contrassegnata per essere riutilizzata

LA RIAPERTURA – La Grecia, che lo scorso venerdì aveva annunciato la chiusura delle frontiere nei confronti dell’Italia, durante la giornata di ieri a gran sorpresa ha annunciato che invece a partire dal 15 giugno la nazione è pronta a riaccogliere i turisti provenienti dal Bel Paese, ma con delle restrizioni.

Innanzitutto fino al 1 luglio gli unici aeroporti greci in cui sarà possibile atterrare saranno quelli di Atene e Salonicco, e per coloro che provengono dalle cosiddette aree “ad alto rischio” (che nel caso dello stato italiano sono Emilia-Romagna, Lombardia, Piemonte, e Veneto) i passeggeri saranno sottoposti a un test all’arrivo. Come riportato sul sito dell’ambasciata greca “Se negativo, il passeggero si metterà in auto-quarantena per 7 giorni. Se positivo, la quarantena sarà di 14 giorni.

Dure sono state le parole del Governatore della Regione Veneto Luca Zaia nei confronti della decisione presa: “La Grecia che mette al bando il Veneto mi pare allucinante. Mi chiedo cosa pensino i loro operatori, sono i nostri turisti che vanno lì. Sappiano che non ci vedono più”.

“Esperti di sanità quelli della Grecia…” ha poi aggiunto ironicamente Zaia, che ha quindi avanzato la richiesta di prendere in considerazione i dati delle singole Regioni prima di giungere a conclusioni affrettate: “Siamo a disposizione della comunità greca in maniera costruttiva per mostrare le ‘carte’. Se poi vogliono anche, chiamiamo il prof Crisanti (noto virologo italiano ndr), per fare un giro di tamponi a casa loro”.

Per tutti gli altri turisti, italiani e non, il tampone sarà fatto soltanto su un campione. Va ricordato che a determinare le zone cosiddette “ad alto rischio” sia stato uno studio condotto dall’Easa, l’agenzia europea per la sicurezza aerea. Dal 1 luglio in poi, invece,  saranno riaperti tutti gli aeroporti di Grecia, e i visitatori non dovranno più effettuare quarantene; continueranno tuttavia ad essere svolti test casuali all’arrivo.