Greta Baccaglia e la molestia subita: torna a parlare un mese dopo

0

Il 27 novembre del 2021, si stava svolgendo la 14° giornata di Serie A, in cui andavano in scena la sfida Empoli-Fiorentina. La squadra di casa riuscì in un clamorosa rimonta contro i viola per 2-1, e tutto il Castellani esplose di gioia per la grande vittoria. Una grande sfida tra le due squadre, che fu rovinata dal gesto indegno nei confronti di Greta Beccaglia.

La Beccaglia era in veste di inviata fuori allo stadio Castellani di Empoli, per l’emittente televisiva per Toscana Tv: il suo compito era di raccogliere qualche opinione a caldo dopo la conclusione del match. Il tutto fu interrotto da una vera e propria molestia compiuta da uno dei tifosi: l’uomo passando affianco alla 27enne le rifilò una pacca sul sedere.

L’episodio innescò una vera e propria caccia all’uomo, e l’autore di tale gesto fu individuato dopo qualche ora. Si trattava del 45enne ristoratore Andrea Serrani, ancora oggi indagato per il reato di violenza sessuale (punibile dai 6 ai 12 mesi).

La giornalista toscana da subito ha confessato il trauma che gli ha provocato questa esperienza. Il 27 dicembre, ossia un mese dopo l’accaduto è tornata a parlare di quei fatti, tramite un post su instagram: “Dopo un mese dall’accaduto ho deciso di scrivere un breve ma intenso pensiero… Come ho detto sin dal primo momento, e poi in più occasioni ribadito, la mia scelta di denunciare l’accaduto si fonda sia su profonde convinzioni personali, che, soprattutto, sul rispetto che nutro verso le donne e me stessa.

Ai grandi esperti, che in queste settimane tante volte si sono improvvisati avvocati e giuristi, vorrei segnalare che io mi sono limitata a denunciare l’accaduto. Sarà poi la giustizia a stabilire se quei fatti costituiscono violenza sessuale, molestia o addirittura niente di tutto questo; non io, né altri”.

A chi mi ha detto che non ho ‘carattere’ perché nell’immediatezza ho risposto: ‘non puoi fare questo’, posso dire ben poco, se non che per me l’educazione è la miglior arma contro l’ignoranza – continua la giornalista toscana – Agli uomini e alle donne che mi hanno attaccata e insultata pesantemente (utilizzando la maggior parte delle volte un profilo fake) vorrei dire che purtroppo siete riusciti a farmi perdere la serenità. Ho passato giorni terribili, mi avete in qualche momento addirittura fatto sentire in colpa per aver denunciato l’accaduto, oppure perché sono diventata ‘popolare’ per circostanze non determinate da me”.

“Non bastasse – racconta ancora la 27enne – avete attaccato il mio intimo, ovviamente senza sapere niente di me se non nome e cognome… sono stata male, lo confesso, ma sono riuscita a superare questa situazione con forza e determinazione e lo sapete perché? Perché è stata più forte la voglia di contribuire a cambiare questo stato di cose, in cui la violazione dei più elementari diritti delle donne non è percepita come una vera e propria priorità del nostro Paese. Perché è stata più forte la voglia di alimentare, grazie al faro che si è acceso sulla mia vicenda, il dibattito su questi temi, in modo che le molte donne che subiscono soprusi tutti i giorni possano trovare un filo di speranza in più. Per questo 2022 mi auguro tanta felicità, salute e di raggiungere il mio sogno… non per la ‘pacca sul culo’, ma per la donna e la professionista che sono”, conclude la Beccaglia.