Hector Barberà operato per sindrome compartimentale

0

Anche Hector Barberà è finito nella tela della sindrome compartimentale.

Ormai, questa patologia, sta affliggendo sempre più piloti che secondo gli esperti si allenano nel modo sbagliato sollecitando troppo gli avambracci.

Il rimedio chirurgico viene usato troppo frequentemente, sempre secondo i medici, ma i piloti cercano tutte le soluzioni possibili per raggirare il problema e tornare subito competitivi.

A finire sotto i ferri questa volta è stato appunto Herctor Barberà, operato ieri all’Hospital Universitario Quiròn Dexeus di Barcellona dove il Dottor Mir, insieme alla sua equipe, si è preso cura del pilota.

Nella mattinata Barberà si era recato in ospedale per degli accertamenti, dopo aver patito tre GP con dolori forti al braccio destro che gli hanno impedito di guidare come voleva e poteva.

Dagli accertamenti sono state confermate le tue teorie, ovvero la presenza della sindrome compartimentale, quindi nel pomeriggio il dott. Mir ha provveduto a risolvere il problema.

L’intervento è durato per 70 minuti dove sono state usate tecniche microchirurgiche con una doppia incisione.

Per i tempi di recupero si parla di pochi giorni, è rimasto in osservazione per 24 ore e per circa una settimana dovrà rimanere in assoluto riposo per poi iniziare un piano riabilitativo.

Se tutto procede nel verso giusto e non insorgono complicanze, la sua convalescenza sarà simile a quella di Pol Espargarò, operato subito dopo il GP di Francia e subito in pista 15 giorni dopo nel GP d’Italia anche se ovviamente non era al 100% della sua forma.

Per tanto, in vista del prossimo GP che si disputerà proprio in Spagna, Barberà non dovrebbe riscontrare problemi nel risalire in sella per difendere il titolo di miglior Open che risulta essere a rischio dopo la gara stupefacente del rivale Loris Baz al Mugello.

Hector, come è prassi che sia, verrà seguito da Mir e da specialisti per poi essere comunque rivisitato prima del GP di Catalunya per il fit to race.