Hoeness, presidente Bayern: “Lo staff di Ancelotti litigava tutti i giorni, così non si può lavorare!”

0
Carlo Ancelotti| Fonte Google immagini: contrassegnate per essere riutilizzate

In casa Napoli si sta vivendo una situazione davvero paradossale. Dopo l’ammutinamento post Salisburgo, ci si aspettava una grande reazione de parte dei calciatori che, non è arrivata. Carlo Ancelotti viene ormai considerato il principale responsabile della debacle partenopea.

In questo periodo nero, sembrano davvero attuali le parole di Uli Hoeness, presidente del Bayern Monaco. Poco dopo l’esonero dell’attuale allenatore del Napoli dalla squadra tedesca, infatti, rivelò: “Con Ancelotti non c’era alcun problema, con lui andava tutto bene. Ma tutti i giorni c’era una lite fra i fisioterapisti, i medici e i collaboratori di Ancelotti. E con uno staff così non si può lavorare nel modo giusto. Si discuteva più su chi dovesse sedersi in panchina che su aspetti importanti delle partite e questo, nel lungo termine, non poteva essere un bene per la squadra”.

Una situazione, quindi, davvero imbarazzante che poi ha portato Carlo Ancelotti ad essere esonerato dalla squadra bavarese.

Una situazione simile sicuramente si sta vivendo anche in casa azzurra. Dall’arrivo del mister, infatti, molti sono i preparatori e i medici che hanno lasciato la squadra. Durante l’estate, anche il dott. Alfonso De Nicola ha lasciato gli azzurri.

Secondo le ultime indiscrezioni, il presidente De Laurentiis sarebbe pronto ad un gesto estremo per far ritornare la tranquillità in casa Napoli: esonerare Carlo Ancelotti. La decisione, comunque, sarà rinviata di due settimane. Il presidente, infatti, al termine della gara contro il Genoa, ha comunicato al suo attuale mister che la situazione sta diventando molto delicata ed ha fissato un ultimatum: il 27 Novembre. In questo giorno, infatti, ci sarà Liverpool-Napoli, una gara delicata per decidere il futuro in Champions League degli azzurri. In caso di risultato negativo, Carlo Ancelotti non sarà più l’allenatore degli azzurri.