House of Cards cancellata, l’annuncio a poche ore dalle accuse di molestie contro Kevin Spacey

All'attore sarà revocato il premio Emmy conquistato grazie al ruolo di Frank Underwood

0
Kevin Spacey in House of Cards, fonte Netflix
Kevin Spacey in House of Cards, fonte Netflix

La serie House of Cards non sarà rinnovata dopo la conclusione della sesta stagione, la cui lavorazione è stata a sua volta sospesa fino a data da definirsi. L’annuncio è stato dato ufficialmente dalla piattaforma di streaming Netflix e può annoversarsi tra le molte reazioni che hanno fatto seguito alle recenti accuse di molestie sessuali rivolte all’attore Kevin Spacey da parte dell’attore di Star Trek Anthony Rapp, accuse a cui Spacey ha replicato con un “non ricordo” accompagnato dal coming out sulla sua omosessualità.

Tra le conseguenze più drastiche, almeno per gli amanti delle serie tv, vi è appunto la chiusura anticipata di House of Cards, nonché la revoca del premio Emmy vinto da Spacey proprio grazie al suo ruolo nello show. L’ International Academy of Television Arts & Sciences ha infatti deciso di revocare A Spacey l’International Emmys Founders Award, nell’ambito degli Emmy Awards la cui cerimonia è prevista per il prossimo 20 novembre.

Nel frattempo continuano ad arrivare nuove dichiarazioni sulla vita privata dell’attore: Randall Fowler, il fratello maggiore di Kevin Spacey, ha confidato al Daily Mail i drammatici trascorsi familiari e gli abusi sessuali subiti dal padre, Thomas Geoffrey Fowler, che avrebbe reso in un inferno l’adolescenza dei due figli.

La decisione di Netflix è arrivata poche ore dopo la notizia delle accuse mosse contro l’attore e pone fine alla serie in cui Spacey veste i panni dello spregiudicato Frank Underwood. Da più parti si afferma che la decisione di concludere lo show con la sesta stagione fosse già in programma, ma l’annuncio è stato dato con un tempismo decisamente opportuno.

Creata e prodotta da Beau Willimon, House of Cards è basata sul romanzo dell’autore Michael Dobbs ed è ambientata a Washington DC, dove il deputato del Partito Democratico Frank Underwood porta avanti la sua scalata al potere e alla Casa Bianca non disdegnando sotterfugi di ogni genere.

Stando a quanto riporta la rivista Variety, i fan dello show possono tuttavia sperare nella realizzazione di uno spin-off tratto dalla serie, il quale potrebbe ruotare intorno alla figura di Doug Stamper, il più fedele e fidato assistente di Frank Underwood, nonché suo capo di gabinetto.