Icardi vuole il Chelsea, si prospetta un clamoroso scambio sull’asse Milano-Londra

0

Tra Icardi e l’Inter pare non esserci pace. Nonostante il suo ritorno al goal nella sfida di Domenica contro il Verona al Bentegodi, la dirigenza dell’Inter, che in queste ore si sta riunendo diverse volte dopo l’arrivo di Thohir a Milano, sta cercando di capire insieme anche all’allenatore Roberto Mancini, se il profilo di Maurito Icardi può essere compatibile con quello dell’attaccante dell’Inter del futuro. La carta d’identità dell’argentino è decisamente incoraggiante visto che è un classe 1993, ma i suoi movimenti durante la gara, che a volte lo portano a isolarsi dal gioco e a toccare il pallone solo quando i compagni riescono a trovarlo per poi finalizzare l’azione starebbe facendo cambiare idea sul suo conto a Mancini e Ausilio; ma è lo stesso Icardi a non essere contentissimo dell’ambiente nerazzurro visto che quest’anno si è dovuto anche accomodare in panchina più di una volta. Le pretendenti dovrebbero sborsare diversi soldi per portarselo a casa. Icardi ha già segnato 50 goal in Serie A nonostante la sua giovanissima età e fu pagato l’irrisoria cifra di sei milioni di euro per questo la società nerazzurra vendendolo farebbe una plusvalenza non indifferente. Chi sta cercando di pianificare la prossima stagione è il Chelsea di Roman Abramovich. Il problema principale, per ora, è quello di trovare l’allenatore con Allegri e Conte favoriti. Ma anche regalare un nuovo attaccante al prossimo tecnico sarebbe l’idea del magnate russo. Secondo quanto riportato dai tabloid inglesi, per non dover firmare un assegno troppo pesante, i dirigenti dei blues potrebbero pensare di inserire una contropartita tecnica che gli consentirebbe di girare un piccolo conguaglio ai nerazzurri. La pedina di scambio potrebbe essere proprio Diego Costa, che al primo anno al Chelsea ha segnato 20 goal in 26 partite e fu pagato 40 milioni di euro, l’intera clausola rescissoria dell’Atlético Madrid. Perciò in estate potrebbe prospettarsi un clamoroso scambio alla pari oppure una piccola differenza che il Chelsea dovrebbe fornire all’Inter visti i 5 anni di differenza tra i due.