Il contrabbandiere di giocattoli ad Aleppo: Rami Adham

0

Negli ultimi 5 anni si è  sentito parlare della Siria sempre per le stesse cose: storie tristi, guerriglie urbane, periodi di pausa non rispettati, alleanze che nascono e si distruggono, persecuzioni, Isis, armi chimiche, terrore, orrore…; ma in tutto questo ogni giorno accadono cose di straordinaria bellezza nonostante lo scenario di devastazione. Delle semplici persone combattono, non con le armi, ma con parole e gesti di puro amore per portare un po’ di gioia negli occhi della popolazione siriana così talmente provata. Uno di questi eroi è Rami Adham. Lui è nato ad Aleppo, ma dal 1988 vive in Norvegia.

Da quando è iniziata questa maledetta guerra nel 2011 lui ha compiuto 27 viaggi verso la Siria per aiutare  i suoi concittadini più giovani. Il primo viaggio lo ha fatto 5 anni fa  portando cibo e beni di prima necessità alle famiglie di Aleppo. Prima di partire però sua figlia Jasmine ha insistito per poter donare i suoi giocattoli ai bambini siriani. Così Rami Adham ha deciso di portare con sé 25 orsacchiotti e 36 Barbie. Quando li ha mostrati i bambini sembravano più interessati a giocare che a mangiare perché come ha dichiarato lui: ” Kids are just kids!“(I bambini sono semplicemente bambini!). Da allora lui è divenuto “il contrabbandiere dei giocattoli” ed è ritornato ogni 2 mesi per portare dei doni ai piccoli siriani.

Oltre ciò Rami Adham ha creato anche un sito internet per raccogliere soldi per costruire delle scuole lungo i confini della Turchia, un posto sicuramente più sicuro della città di Aleppo, per permettere ai bambini siriani di ricevere un’educazione. Per il momento è arrivato a soli 900 euro  e a lui per realizzare questo progetto mancano circa 9000 euro.

Per poter partecipare al suo progetto potete cliccare su questo link: https://www.gofundme.com/2pv7hjss

Per tutto ciò egli riceve in cambio, per questi viaggi in cui rischia la sua vita, i sorrisi dei bimbi siriani!