Il Gattopardo di Luchino Visconti diventerà una serie televisiva

Il colossal italiano verrà riadattato per il piccolo schermo

0

Il Gattopardo, film di Luchino Visconti tratto dall’omonimo romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, sarà riadattato sul piccolo schermo.

Il romanzo descrive i cambiamenti avvenuti nella società siciliana durante l’unificazione d’Italia nel diciannovesimo secolo.

Secondo la rivista Variety, sarebbero in corso dei progetti per far sì che il colossal con Claudia Cardinale e Burt Lancaster diventi una serie televisiva. Si tratterà di una serie in lingua inglese.

Il film uscì nelle sale italiane nel 1963. Lo stesso anno vinse la Palma d’oro come miglior film al festival di Cannes. Il Gattopardo è entrato nella storia del cinema italiano, inserendosi nella famosa lista dei “100 film italiani da salvare”. Questa lista segnala le 100 pellicole italiane che hanno contribuito a cambiare la memoria collettiva del popolo italiano tra il 1942 e il 1978.

La casa di produzione italiana “Indiana Production Company” ha acquistato i diritti del libro in collaborazione con Giangiacomo Feltrinelli per produrre la serie. Inoltre anche Daniel Campos Pavoncelli e Ilaria Castiglioni contribuiranno a questo adattamento televisivo.

Il romanzo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa fu pubblicato postumo proprio dalla casa editrice Feltrinelli nel 1958. All’inizio Il Gattopardo fu rifiutato dalle case editrici Einaudi e Mondadori. In seguito, grazie all’aiuto di Elena Croce e Giorgio Bassani, venne pubblicato dalla Feltrinelli ed ebbe un enorme successo. Nel 1959 vinse l’ambito Premio Strega.

Al momento si sta svolgendo il festival di Cannes e la Indiana Production Company e Feltrinelli stanno sviluppando una potenziale serie di 8 o 10 episodi da vendere a partner europei presenti al festival.

Variety conferma che il progetto ha il pieno supporto di Gioacchino Lanza Tomasi, rappresentante dell’eredità dello scrittore siciliano. Gioacchino Lanza Tomasi è il cugino dell’autore e fu adottato da quest’ultimo nel 1957, un anno prima della pubblicazione del romanzo.

Sia scrittori inglesi sia italiani stanno collaborando alla stesura del copione per far sì che la serie mantenga l’identità culturale del romanzo italiano.

Il progetto è di rendere “Il Gattopardo” una sorta di “Downtown Abbey” o “The Crown”. La serie sarà filmata in diversi luoghi siciliani nel 2019.

Fabrizio Donvito, fondatore dell’Indiana Production company, ha annunciato:“Sarà una saga che racconterà la storia di un paese durante i suoi cambiamenti più profondi che coinvolsero tutta l’Europa. Come dice chiaramente il romanzo: “Tutto deve cambiare per far sì che tutto rimanga uguale. Non potrei pensare a una frase contemporanea più adatta a descrivere il periodo in cui stiamo vivendo adesso.”

Marco Cohen della Indiana Production Company ha rilasciato una dichiarazione per specificare il tipo di progetto che hanno intenzione di intraprendere: “Non abbiamo nessuna intenzione di fare un remake del film. Sarebbe impossibile. L’intenzione è quella di lavorare a stretto contatto con gli elementi narrativi del libro. Siamo molto interessati a creare qualcosa di più autentico possibile e sicuramente gireremo nelle location descritte nel romanzo.”

Carlo Feltrinelli, il presidente di Feltrinelli, ha affermato: “Siamo molto soddisfatti di questa nuova produzione che, più di 50 anni dopo la prima pubblicazione del romanzo, permetterà al pubblico di riscoprire la modernità del capolavoro di Tomasi di Lampedusa e lo farà conoscere alle nuove generazioni.”