Il Napoli torna col bilancio in ordine nel 2020

0
De Laurentiis
Presidente del Napoli Aurelio De Laurentiis

Si prospetta un buon anno per la società di Aurelio De Laurentiis. Calcionapoli24 ha fatto un’analisi del bilancio azzurro. Tra i vari prestiti e ricavi Champions il Napoli, nel mese di giugno, dovrebbe ritrovarsi con circa 120 milioni di euro a bilancio. In estate, come sappiamo, il Napoli ha chiuso diverse operazioni in prestito con obbligo di riscatto. Grassi, Inglese e Sepe al Parma per un totale di circa 30 milioni. Verdi al Torino per 20 milioni e Rog al Cagliari per 13 milioni.

Senza contare Ounas, che rientra nei diritti di riscatto a differenza degli altri appena citati. L’algerino infatti è stato ceduto con la formula del prestito con diritto di riscatto a 25 milioni. Totale circa 70 milioni, senza contare appunto Ounas. La Champions tra diritti tv, l’ottimo girone disputato e spettatori presenti al San Paolo dovrebbe portare altri 70 milioni circa.

C’è poi il Decreto Crescita del quale il Napoli ha fatto uso per l’acquisto di Llorente, Elmas e Lozano. Grazie al Decreto, i loro ingaggi hanno avuto un impatto inferiore al previsto sul bilancio. 

Ora il Napoli è molto vicino a Lobotka, per il quale si sta chiudendo anche qui per un prestito con obbligo di riscatto. Per lo slovacco del Celta Vigo, il Napoli verserebbe subito 5 milioni e altri 20 a giugno. Il Napoli è quindi finalmente tornato col bilancio in ordine, nonostante con Ancelotti si sia raggiunto il picco del monte ingaggi.