Il RiciclALBERO, la prima Iniziativa Green a Pomigliano d’Arco della designer ambientalista Ilaria Sangermano

0
RiciclALBERO

Anche in tempi di Covid-19 si può celebrare il Natale in forma ‘ecologica’. Almeno, a Pomigliano D’Arco (provincia di Napoli) è stato così. Grazie a un’idea dalla designer ambientalista Ilaria Sangermano, giovane donna pomiglianese amante degli animali e della natura, è stato progettato il RiciclALBERO.

Sangermano e Del Mastro

Il primo eco albero è stato realizzato e inaugurato il 20 dicembre alle ore 10 a Pomigliano d’Arco, presso lo slargo Marco Pannella, nei pressi del Municipio con l’ immediato entusiasmo che ha espresso il neo Sindaco Gianluca del Mastro e tutta l’amministrazione comunale nel progetto di questa giovane risorsa pomiglianese.

Ilaria Sangermano

Il RiciclALBERO è stato realizzato con una struttura portate a forma di piramide di circa 4 metri di altezza a base quadrata in legno, per mantenere l’idea della forma originaria di un abete, sulla quale sono state forate per collegarci dei fili dove verranno fissate circa 200 bottiglie riciclate, frutto della collaborazione dei cittadini pomiglianesi, sulle 4 facciate della struttura.

Struttura RiciclALBERO

Un gioco di alternanza di colori blu, arancio, rosso, verde, giallo e trasparente nella composizione dell’assemblaggio con l’abbinamento di 4 faretti posti sugli angoli della base dell’albero e uno centrale in piramide che donano un effetto magico tipico natalizio.

RiciclALBERO Primo piano

Un’iniziativa nata per sensibilizzare la popolazione al riciclo e al riutilizzo del materiale plastico.
Secondo le stime, Pomigliano produce circa 700 tonnellate di plastica, per una capienza pari a cinque campi di calcio. Lo smaltimento dei rifiuti soprattutto di materiale plastico condiziona lo stato di salute del nostro pianeta e l’iniziativa “RiciclAlbero” nasce proprio con lo scopo di sensibilizzare la popolazione al riutilizzo della plastica in questo caso per costruire alberi di Natale.

Come spiega la designer ambientalista Ilaria Sangermano, che ha anche conseguito un Master in Alternanza Scuola-lavoro ‘Stategie e metodologi’, la campagna di sensibilizzazione al riciclo plastico avrebbe coinvolto l’intera cittadina attraverso dei contest come un vero momento di aggregazione sociale che in questo momento è preferibile evitare per via delle norme di distanziamento causa Covid-19,
ma attraverso dei piccoli video per lanciare il messaggio ‘plastic free’.
In questo modo creativo si cerca cercando di catturare l’attenzione dei più piccoli con dei video creativi e formativi

Molti bambini hanno lasciato messaggi scritti su cuori di carta con i più disparati desideri, alcuni molto toccanti che lasciano trasparire la sensibilità, ma anche la speranza dei più giovani in un momento storico così difficile per il nostro Paese.
Un messaggio chiaro e un motivo di speranza per le generazioni future.