Il ritorno di “Deki”: da eroe del Triplete a responsabile della primavera

0
Stankovic
Dejan Stankovic ai tempi della militanza in nerazzurro. Foto Wikipedia

I grandi amori non finiscono mai per davvero. Metti il caso tu sia uno che in nerazzurro abbia conseguito qualunque obiettivo si potesse vincere. Metti il caso che il tuo legame con la squadra del cuore e con la città sia ancora solido come ai tempi della tua militanza. Metti il caso che dopo un apprendistato in UEFA ti venga data l’opportunità di rappresentare l’attaccamento a quella maglia per le giovani generazioni. Unendo tutto questo sarà chiaro perchè l’Inter sta pensando di assegnare il ruolo di responsabile del settore giovanile a uno come Dejan Stankovic.

L’IMPORTANZA DELL’APPARTENENZA – A riportare l’indiscrezione che sa di clamoroso ritorno nella piazza che lo ha lanciato nel panorama dei grandi è il “Corriere dello Sport“. Un ritorno che, se confermato, segnerebbe un ulteriore processo di identificazione tra società e vecchie glorie tanto auspicato dei vertici del club.

CANTERA ASSICURAZIONE PER IL FUTURO – Nonostante i volumi finanziari che smuove ogni anno una società di calcio, il settore giovanile resta comunque un importante serbatoio dal quale attingere per il futuro di un club. Non è un caso che anche le corazzate più blasonate del calcio mondiale basino gran parte del loro successo ( in prospettiva) sui ragazzi che accolgono fin dalla più tenera età nelle proprie “cantere“. Giovani che potranno essere un giorno schierati in prima squadra oppure messi sul mercato per rimpinguare le casse societarie senza privarsi dei campioni.

TORNA DEKI – Affidare questo delicatissimo ruolo a uno che solamente nella sua militanza interista ha messo in bacheca ben 15 trofei e innumerevoli riconoscimenti personali potrebbe essere l’idea vincente. L’ennesima di una dirigenza illuminata e lungimirante. Per l’ufficialità bisognerà attendere ancora un po’. Intanto i tifosi già sognano il ritorno di “Deki” ad Appiano.