martedì, Maggio 28, 2024
HomeSportCalcioInchiesta Juventus: la Procura Federale può chiedere la retrocessione

Inchiesta Juventus: la Procura Federale può chiedere la retrocessione

Nella serata di lunedì 28 novembre è arrivata la notizia delle dimissioni del Consiglio di Amministrazione della Juventus. A rinunciare ai propri incarichi sono stati il presidente Andrea Agnelli, il vice presidente Pavel Nedved e altri sette componenti del CdA.

La scelta è stata fatta per permettere alla società di affrontare da una posizione migliore le indagini che la riguardano direttamente. La procura di Torino, infatti, ha aperto un’indagine per falso in bilancio e false fatturazioni mentre la Consob, parallelamente, aveva mosso accuse riguardo presunte irregolarità dell’ultimo bilancio.

Sulla questione ormai sono puntati i riflettori di tutte le testate giornalistiche e questa volta aggiornamenti arrivano direttamente dall’edizione odierna del Corriere dello Sport. Secondo quanto riportato dal noto quotidiano, infatti, è possibile che la Procura Federale possa procedere nei confronti della società per ulteriori e nuove condotte disciplinarmente rilevanti.

Nel voler approfondire i fatti, poi, è possibile che cambino le richieste dell’accusa e non è escluso che vengano richieste pene più severe come la retrocessione. Ecco quanto riportato: “Non solo più ammende e inibizioni per i dirigenti coinvolti. Chinè potrà richiedere pene più severe come punti di depenalizzazione o addirittura la retrocessione nel caso in cui venisse ipotizzato che a seguito della presunto falsificazione dei documenti contabili-amministrativi sarebbe poi stato possibile ottenere l’iscrizione al campionato“.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

ULTIMISSIME