Indian Wells 2019: Serena Williams elimina Azarenka

0
La tennista Serena Williams. (Fonte immagine: Wikimedia Commons).

Esordio convincente per la ex numero 1 al mondo Serena Williams, che nella notte italiana del Wta di Indian Wells 2019, ha sconfitto in ben due set Victoria Azarenka con il parziale di 7-5 6-3 in poco più di due ore di gioco.

I precedenti erano quasi tutti a favore della statunitense, la quale ha vinto 17 delle 21 sfide giocate insieme.

L’americana ha così un’altra volta la meglio sulla bielorussa. Tutti in piedi, si, ma è una standing ovation per entrambe le giocatrici, per il grande spettacolo che hanno regalato e deliziato gli spettatori.

Le due neo mamme non tradiscono infatti le aspettative, quelle di un grande match lottato fino alla fine, dove la qualità di certo non manca a nessuna delle due tenniste. Le due ex numero 1 non si sono risparmiate animando l’intera partita con grandi colpi e continue risposte sia da una parte che dall’altra, infatti si contano ben 10 break, dando proprio il meglio di loro stesse.

Lo score evidente di 7-5 6-3 è un punteggio come dire, quasi ingannevole, per chi non ha visto il match, il quale potrebbe dire che la Williams abbia vinto in modo facile, quando invece è stata una partita davvero intensa, con grandi colpi di scena, e ammettiamolo tutti avrebbero voluto e desiderato che il match si allungasse al terzo set per lo show.

Si evince inoltre, un grande rispetto e una grande stima tra le due, ed è anche quello che traspare dalle parole enunciate a fine match. Ecco le parole della bielorussa a partita conclusa: “Serena è l’avversaria contro cui mi piace di più giocare, riesce a tirare fuori il meglio di me – ha concluso – ma meritava di vincere!“.

Serena poi ai microfoni, ha così esposto il suo pensiero dopo il grande abbraccio con l’avversaria: “È stato davvero un bel match per me, perché letteralmente ho dovuto lottare su ogni punto”. 

Adesso Serena Williams nel prossimo match, affronterà un’altra ex numero 1 del mondo, ossia la spagnola Garbine Muguruza.