Innovazione e sviluppo negli investimenti, nasce l’accordo Moneyfarm-Fabrick

0

Il mondo dell’internet banking è sempre più in via di espansione e quanto emerso dagli Stati Generali dell’Economia, promossi dal Premier Conte, ovverosia più spinta e investimenti sul digitale, fa capire molti aspetti del prossimo futuro. Nasce in questo contesto la partnership tra MoneyFarm e Fabrick, l’azienda italiana nata con lo scopo di favorire incontro e collaborazione tra aistituzioni finanziarie e nuove realtà tecnologiche tramite l’open banking.

Un accordo che significa molto, soprattutto dal punto di vista tecnologico: a lavorare in sinergia saranno due realtà italiane che puntano a migliorare le già vaste soluzioni a disposizione delle banche e degli investitori, in contesti come l’Italia e il Regno Unito. Obiettivo non troppo celato: quello di portare vantaggi della gestione patrimoniale ai risparmiatori. Un passo importante proprio grazie all’accordo appena citato.

Con la partnership, MoneyFarm e Fabrick puntano a costruire tecnologie da proporre a banche, intermediari e clienti per mostrare loro la semplicità, la trasparenza, l’efficacia e l’efficienza del digital wealt management. L’accordo prevede, da parte di MoneyFarm, la pubblicazione sulla piattaforma Fabrick, per il 97% già perfettamente integrata con gli istituti bancari.

Questo consentirà a tutte le banche interessate al servizio di poter integrare, rapidamente e con grossa semplicità, il servizio offerto da Moneyfarm all’intero dei rispettivi pacchetti, puntando così a sviluppare soluzioni di gestione patrimoniale in ETF, flessibili e modulabili a seconda della convenienza del cliente. Una grande opportunità nel campo delle fintech del settore, a beneficio dei clienti finali.

Con l’integrazione del servizio, gli Istituti Bancari potranno andare incontro alle nuove esigenze dei clienti, ormai sempre più votati all’uso del digital, come ben testimoniano i mesi appena trascorsi di lockdown. I servizi di banking online, infatti, hanno aumentato il loro bacino del 17%. Nel frattempo saranno offerte soluzioni di ultima generazione, ottimali per efficienza, tempestività e via dicendo. Per i clienti, insomma, si tratta di raggiungere un livello ulteriore di competitività.