Inquinamento atmosferico in Cina: baffi nel naso per proteggere il respiro

0

Si fa sempre più grande in Cina il problema dell’inquinamento, diventando insostenibile giorno dopo giorno.

L’inquinamento atmosferico ha cambiato la Cina sotto diversi punti di vista, soprattutto nelle grandi metropoli, come Pechino e Shanghai. Cosa più rilevante è sicuramente l’aspettativa di vita: ogni anno almeno 500 mila morti premature sono da attribuire ai veleni presenti nell’aria. Nelle città del nord, dove la qualità dell’aria è peggiore, l’aspettativa di vita è di 5,5 anni più bassa che nelle città del sud.

“L’inquinamento dell’aria è la principale preoccupazione sanitaria nella Cina urbana, ma la maggior parte dei cittadini si aspettano che sia il governo a prendere l’iniziativa per migliorare la situazione”, ha dichiarato May Mei, a capo di WildAid China. “È importante che le singole persone comprendano di potere fare qualche cosa individualmente”. Infatti la domanda che tutti si fanno è: “Che cosa posso fare per migliorare la situazione?”. Proprio da WildAid arriva la soluzione al problema con un filmato provocatorio che al momento è trasmesso su molti social media, network televisivi, schermi all’aperto, in taxi e in metropolitana. Nel documentario viene mostrato un ipotetico mondo del domani in cui i peli nel naso si sono evoluti per filtrare l’inquinamento. Di conseguenza anche il modo di comportarsi, la moda e la cultura si sono a loro volta adattate a queste caratteristiche facciali. Dalla famiglia con un bebè coi baffi, alla giovane con i peli intrecciati, passando per una coppia al primo appuntamento e una serie di hipster, tutti con lunghi baffi che spuntano dal naso. Nel filmato a un certo punto però c’è un uomo che si rifiuta di accettare l’inquinamento passivamente e decide quindi di radersi i peli del naso in un gesto di sfida.

Il video “Hairy Nose” termina con un messaggio di incoraggiamento, “Change air pollution, before it changes you” ovvero “Cambia l’inquinamento prima che esso cambi te”, e sprona ad utilizzare mezzi di trasporto poco inquinanti, come le biciclette.