Inter, a gennaio sarà diaspora: cinque in partenza da Appiano per correre via da Conte

0
Antonio Conte, allenatore dell'Inter
Antonio Conte, allenatore dell'Inter

L’Inter inizia la settimana con un meritatissimo giorno di riposo. La gara contro il Cagliari ha riportato il buonumore dopo la batosta Champions e Conte ha voluto allentare la pressione sui suoi concedendo 24 ore di libertà. Eppure, dietro a questa ritrovata serenità, si nasconde un futuro che vede proiettare fuoco e fiamme sul centro sportivo di Appiano, dal quale sono attese tante uscite nel prossimo calciomercato invernale.

Bocciature senza appello per una cinquina che ha deluso profondamente il tecnico leccese e che sarà invitata a lasciare il club quanto prima per trovare fortuna altrove. Il primo della lista, manco a dirlo, è Radja Nainggolan. Epurato della prima ora l’anno scorso, era tornato in squadra con tutte le migliori intenzioni del mondo. Purtroppo per lui, gli infortuni ma soprattutto il parere sempre negativo di Conte non gli hanno permesso di rientrare nell’undici nerazzurro. A gennaio il Cagliari tenterà nuovamente di prelevarlo attraverso un prestito fino a giugno e poi un mini riscatto in estate.

Destino uguale anche per altri due centrocampisti quali Matias Vecino e Christian Eriksen. Se per l’uruguayano a preoccupare sono i continui infortuni al ginocchio che lo tormentano dalla fine della scorsa stagione, per il danese il motivo dell’addio è tutto di natura tecnica. Conte rimane inflessibile sulla scelta della sua personalissima organizzazione di gioco. L’ex Tottanham, pur provandoci, non ha dato certezze circa un arretramento del suo raggio d’azione nel cerchio di centrocampo. Per il futuro si vaglieranno profili molto diversi dal fantasista che ha molto mercato soprattutto in Premier e Ligue 1.

Ghigliottina già piazzata anche sul collo di Pinamonti. Il ragazzo delle giovanili, rientrato alla base dopo anni da girovago tra Frosinone e Genoa continua a non convincere Conte. Giudicato ancora non pronto per la grande piazza, il classe ’99 potrebbe essere mandato ancora via in prestito per accumulare esperienza.

Ultimo della lista, anche se un po’ a sorpresa, è quell’Ivan Perisic che, dopo aver vinto tutto col Bayern Monaco l’anno scorso, era tornato all’Inter deluso dal mancato riscatto dei bavaresi. Qualora arrivasse un’offerta, l’Inter non ci penserebbe su due volte e darebbe il ben servito anche al croato. Che si tratti di pulizia o epurazione poco importa. L’Inter che si vedrà da qui a qualche settimana avrà il volto della rivoluzione tanto sognata da Conte.