Inter al lavoro per il delicato match contro la Lazio: Young sì, Eriksen forse

0
Antonio Conte, allenatore dell'Inter
Antonio Conte, allenatore dell'Inter

La sconfitta patita nel match di andata di Coppa italia contro il napoli brucia ancora ma prima di pensare a regolare i conti con i partenopei l’Inter affronterà la Lazio per il primo posto in A. La squadra di Conte, dunque, rinuncia al riposo pur di preparare al meglio una gara che potrebbe rivelarsi cruciale per il destino in campionato. Il tecnico, quasi sicuramente, opererà delle sostituzioni rispetto alla sua formazione tipo per ridare fiato a chi ha giocato di più e regalare minuti a chi potrebbe dare all’incontro un tocco di imprevedibilità.

In porta quasi certo l’impiego, per la terza volta consecutiva, di Padelli. La situazione di Handanovic continua a preoccupare Conte e il suo staff. La frattura al mignolo della mano destra continua a dare fastidio al portiere sloveno. Rischiarlo per poi doverne pagare le conseguenze con uno stop ancora più lungo è un azzardo che nessuno all’Inter vorrebbe correre. La buona prova contro il Napoli, al di là del gol subito, ha restituito fiducia nei propri mezzi all’estremo difensore di Lecco. La speranza è quella di vederlo crescere in autostima e ritrovare quel giocatore eccellente che era in quel di Torino.

La difesa sarà quella titolare con Skriniar, De Vrij e Bastoni. La squalifica del baby ex Parma è alle spalle. Di conseguenza il veterano Godin ritornerà ad assistere al match dalla panchina. Larghi sulle fasce giocheranno Young e uno tra Moses e Candreva, col primo molto avvantaggiato sull’ex dell’incontro.

A centrocampo diversi grattacapi daranno tanto filo da torcere al tecnico salentino. Sensi è recuperato ma sembra l’ombra di quel giocatore così determinante della prima parte di campionato. Sicuri del posto, almeno al momento, dovrebbero essere Brozovic e Barella. Per il ruolo di terzo centrale si aprirà un ballottaggio tra Vecino e Eriksen che si concluderà soltanto a poche ore dalla gara.

In avanti, invece, nessun dubbio su chi scenderà in campo per indirizzare quanti più palloni possibile verso lo specchio di porta avversario. Lukaku e Lautaro Martinez torneranno a dividersi la scena con Immobile nella singolarissima sfida a più bravo nel ruolo di bomber.