Inter-Barella, rischio addio? Cds: “Troppa distanza tra domande e offerta”

La trattativa per il prosieguo del rapporto del giocatore con il club nerazzurro sta affrontando più problematiche del previsto

0
Barella
Nicolò Barella con la maglia del Cagliari. Il suo passaggio all'Inter è atteso ad ore. Fonte Wikimedia Commons

L’Inter sta disputando a testa alta queste prime partite di campionato, con gli occhi rivolti anche all’obiettivo Champions League. Ma al di fuori del campo da gioco ci sono varie vicende che stanno destando non poca preoccupazione alla società.

Tra queste c’è la questione rinnovi di contratto, su tutti quello di Barella, che sta tardando considerato lo status raggiunto dal centrocampista. Così riporta il Corriere dello Sport, che ricorda come i 2,5 milioni percepiti annualmente dal nerazzurro siano ormai davvero pochi.

“Non è più il caso di temporeggiare – scrive il Corriere -. E, infatti, i primi abboccamenti tra i dirigenti di viale Liberazione e Beltrami, il suo procuratore, sono già avvenuti”. Ma qual è, allora, il reale punto della situazione?

“Si può dire che la situazione è ancora ”fluida” – si legge ancora – nel senso che le parti hanno potuto verificare come ci sia una significativa distanza tra domanda e offerta.

Il clima, però, è sereno e c’è fiducia di poter arrivare a un’intesa. Si può dare per scontato, comunque, che Barella punti a raddoppiare il suo ingaggio, salendo più o meno fino a 5 milioni di euro. Che poi è ciò che è stato garantito a Calhanoglu: a oggi un benchmark impossibile da ignorare per tutti i nodi contrattuali”.