Inter, c’è Asllani come vice Brozovic: dirigenza pronta a offrire Esposito

Ecco il piano dei milanesi per accaparrarsi un giocatore che, per età e caratteristiche tecniche, potrebbe rivelarsi l'ideale per Inzaghi

0
Fonte immagine: profilo Instagram di Asllani

L’Inter, se da un lato pensa al campionato e ad accaparrarsi per la seconda volta consecutiva il titolo di campione d’Italia, dall’altra è concentrata sul mercato, in particolare sulla ricerca di un vice Brozovic.

Chi risponde alla perfezione a questa descrizione è Kristjan Asllani, centrocampista che si è fatto notare nel corso della presente stagione dell’Empoli: classe 2002, già 20 presenze in campionato, albanese di nascita ma italiano di adozione.

Secondo il Corriere dello Sport, la dirigenza potrebbe presto avanzare un’offerta: “Il profilo ideale sembra proprio essere il gioiellino dell’Empoli Asllani, che l’Inter si troverà di fronte venerdì a San Siro. E chissà che non sia anche l’occasione per le due dirigenze di discutere dell’operazione“.

L’età di Asslani è perfetta, avendo appena compiuto vent’anni (9 marzo), quindi con un’intera carriera ancora davanti. Anche l’esperienza è quella giusta, essendo divenuto titolare dopo la partenza di Ricci a gennaio, senza mai farlo rimpiangere. Anzi, forse assicurando addirittura un rendimento superiore. È vero non è italiano, ma albanese ed ha pure debuttato nella nazionale maggiore. D’altra parte, però, con la sua famiglia, è arrivato nel nostro Paese, sistemandosi nella provincia Pisa, quando aveva solo 2 anni“.

Per quanto riguarda la trattativa, con l’Empoli ci sono ottimi rapporti. E le due società sono in costante contatto. La scorsa estate in Toscana è finito Pinamonti in prestito, con sostanzioso aiuto per la copertura dell’ingaggio. Ebbene, l’attaccante, con 12 reti, è stato decisivo per la salvezza della squadra di Andreazzoli. Evidentemente, non resterà ad Empoli, che a questo punto avrà bisogno di un attaccante. Non a caso, l’Inter è già pronta ad offrire Esposito, questa stagione in prestito al Basilea, con alterne fortune. Chissà che non sia l’opzione giusta, ferma restando l’aggiunta di un corposo conguaglio economico“.