Inter, c’è un problema chiamato Miranda

0
Miranda fonte foto: Di Ailura, CC BY-SA 3.0 AT, CC BY-SA 3.0 at, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=36888306
Miranda fonte foto: Di Ailura, CC BY-SA 3.0 AT, CC BY-SA 3.0 at, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=36888306

Ieri vi abbiamo parlato del fatto che i centrocampisti dell’Inter segnino poco (o niente), ma i nerazzurri hanno anche un altro problema che devono affrontare: si tratta di João Miranda de Souza Filho, meglio noto come solamente Miranda. Sì, il difensore centrale capitano del Brasile che da 3 partite a questa parte sembra sia tornato il calciatore del finire dello scorso anno.

Miranda, infatti, dopo un inizio di campionato molto soddisfacente si sta nuovamente perdendo. Doveva essere lui a guidare Milan Škriniar ma, in realtà, sembra che stia avvenendo esattamente l’opposto e che lo slovacco debba essere costretto a mettere una pezza alle disattenzioni del brasiliano. Miranda è alla sua terza stagione con la maglia dell’Inter dopo essere stato acquistato, nel 2015, per 3 milioni di euro più un riscatto obbligatorio pari a 9,5 milioni e, in aggiunta, 2 milioni di bonus. Alla sua prima stagione, Miranda si è tolto anche la soddisfazione di segnare una rete in serie A il 20 febbraio 2016 contro la Sampdoria. Per ora, è la sua unica soddisfazione, a livello realizzativo, in nerazzurro.

Spalletti deve necessariamente recuperare il miglior Miranda per poter puntare alla qualificazione in Champions League visto che dietro Milan e Roma stanno accelerando visto che i rossoneri distano soltanto un punto e i giallorossi, che hanno una partita da recuperare, sono lontani 4 lunghezze. Insomma, l’Inter ha bisogno del miglior Miranda per sperare di tenere il passo. Altrimenti, sarà davvero molto difficile.