Inter, cedere Nainggolan è prioritario e il tempo ormai stringe

0
Radja Nainggolan Inter
Radja Nainggolan, intervistato dopo il 2-1 sull'Empoli che qualifica l?inter in Champions. Fonte Youtube

È stato il colpo di mercato interista più importante della passata stagione  ma adesso Nainggolan vive praticamente da separato in casa e teme per il suo futuro. Conte è stato chiaro fin da prima che il belga si presentasse in ritiro: non è il benvenuto e mai lo sarà. La netta chiusura del tecnico nei suoi confronti ha spinto il club a cercare soluzioni per cedere il mediano e recuperare parte dei 38 milioni spesi per lui meno di 12 mesi fa.

Da lì una girandola di voci hanno iniziato vorticosamente a susseguirsi sul giocatore. Dapprima venne paventata l’ipotesi di una cessione all’estero, magari in Inghilterra, in uno tra i due Manchester o al Tottenham del mago Pochettino.

Poi venne il turno dello scambio tutto muscoli e grinta col blaugrana Vidal. In questo caso, fu lo stesso cilena a negare ogni possibilità di abbandonare la Catalogna per raggiungere il suo ex coach Conte.

Infine fu varata la manovra della cessione-acquisizione tutta in famiglia tra l’Inter e la Jiangsu Suning, team cinese delle Suning Companies degli Zhang.

Seppur senza essersi mai espresso sulla questione, Nainggolan potrebbe ancora decidersi a lasciare Milano per tentare la sorte nella Superliga asiatica. Se tale sarà la sua scelta, allora all’Inter dovranno sbrigarsi e approntare tutto entro il 30 lugliosbrigarsi e approntare tutto entro il 30 luglio. Proprio in quella data, infatti, scade il mercato dei trasferimenti nella lega cinese. Il conto alla rovescia è appena iniziato e a Milano saranno notti insonni quelle che ci separano dalla fine del mese.