Inter, Conte riabbraccia Sensi finalmente recuperato: pronto per il Getafe in EL

0
Stefano Sensi
Stefano Sensi, centrocampista dell'Inter.Fonte Wikimedia Commons

In un periodo complesso in Serie A, per l’Inter la gara di Europa League contro il Getafe potrebbe rappresentare il pronto riscatto di un marzo altalenante. La sfida europea contro gli spagnoli, inoltre, potrebbe regalare a Conte l’opportunità di testare nuove soluzioni che finora, per infortuni o sanzioni disciplinari, non aveva potuto mettere in campo. Il pensiero va subito a Stefano Sensi, sfortunato playmaker nerazzurro alle prese in questa stagione con moltissimi guai muscolari che ne hanno minato l’impiego.

Dall’infermeria finalmente arrivano ottime notizie circa il mediano ex Sassuolo. Il trauma distorsivo al piede destro si è completamente riassorbito e ora il giocatore guarda con sempre maggiore fiducia al suo rientro in gruppo. La gara contro gli spagnoli del Getafe potrebbe essere per lui la chance di un nuovo inizio e di un cammino tutto nuovo per l’Inter di Conte.

Il tecnico salentino finora aveva dato assoluta precedenza al campionato, schierando in coppa una formazione sempre ampiamente rimaneggiata. Considerato lo stop alla competizione nazionale imposto dal recente DPCM e un distacco di ormai 9 punti dalla testa della classifica, all’Inter si starebbe pensando ad un cambio di preferenza degli obiettivi stagionali.

Imporsi a livello continentale potrebbe giovare enormemente anche da un punto di vista finanziario, incamerando introiti preziosi ad oggi negati dallo stop della Serie A. Ulteriore motivo per cui nell’imminente incontro di Europa League potremo ammirare i nerazzurri nella loro formazione migliore.

Confermata la presenza di Handanovic, Skriniar, De Vrij e Bastoni in difesa. A centrocampo ritroveremo Sensi al posto di Vecino con Barella e Brozovic. In avanti nessuna alternativa al tandem d’attacco formato da Lukaku e Lautaro Martinez. Gli unici dubbi restano sugli interpreti da schierare sulle fasce laterali del campo. Conte scioglierà le riserve soltanto a poche ore dal fischio d’inizio del match.