Mercato Inter, Di Maria e tutte le mosse dei nerazzurri

0

È proprio di questa mattina l’indiscrezione riportata dal corriere dello sport e da tuttosport, secondo cui l’Inter avrebbe scelto proprio Angel Di Maria come tassello per puntellare il proprio reparto offensivo.

Infatti sembra che Suning abbia puntato fortissimo sull’argentino, avendo pensato per lui il ruolo di giocatore-immagine a cui affidare la numero 10.

Inoltre per Di Maria si parlerebbe di cifre astronomiche non tanto per il cartellino, il cui costo è di 50-55 milioni, ma per l’ingaggio di circa 11 milioni a stagione. Questo rappresenterebbe un abisso rispetto al massimo ingaggio attuale nella rosa nerazzurra e cioè i 4,8 milioni del capitano Icardi.

Probabilmente l’Inter per abbassare le richieste del Psg inserirà nella trattativa anche il croato Perisic (corteggiato anche dallo United) il cui valore si aggira sempre intorno ai 50 milioni. Non è da escludere che nella trattativa rientri anche il polacco Krychowiak che interessa da un paio d’anni ai nerazzurri.







Berardi o Bernardeschi: L’obiettivo primario di Suning resta però quello di italianizzare la rosa( già iniziato con gli arrivi di Candreva e Gagliardini) e si vorrebbe puntare su Bernardeschi o su Berardi. Ad oggi il viola è un minimo più avanti perché Spalletti, che si presume a tutti gli effetti che sarà il prossimo tecnico dell’Inter, è letteralmente innamorato del fantasista.

Altre mosse per il mercato: Dalla Spagna delle voci riscontrano un interesse non troppo velato dell’Inter per James Rodriguez tanto da aver già fatto una prima offerta di 45 milioni rispedita al mittente. Non si tratta però di un “no” secco perché il Real è disposto a vendere il colombiano alle sue cifre (60-70 milioni). Un altro interessamento da parte non solo dei nerazzurri, ma di tutte le Big italiane, riguarda Patrick Schick che, come ammesso dal presidente Ferrero, ha ricevuto innumerevoli proposte. Il calciatore ha una clausola di 25 milioni e ora starà alle varie squadre convincere il giocatore ad accettare il proprio progetto. Per quanto riguarda la difesa si sta cercando di chiudere per il terzino sinistro Dalbert del Nizza, a cui l’Inter offre 8 milioni contro una richiesta di 12 da parte dei francesi. Per il ruolo di difensore centrale, oltre all’arrivo a parametro zero di Pepe, è corsa a due fra i romanisti Rudiger e Manolas, con il tedesco favorito sia per l’età che per la duttilità tattica (in una difesa a 3 o anche come terzino).

Capitolo cessioni: A salutare i nerazzurri, dopo un’annata molto deludente, saranno in molti. Oltre che i vari Jovetic e Ranocchia di rientro dal prestito, ai quali si cercherà una sistemazione (per l’italiano c’è l’interesse del Southampton), il nuovo ds Sabatini sfoltirà la rosa. Le ultime indiscrezioni parlano di un interessamento del Valencia per Murillo, per cui l’Inter vorrebbe uno scambio alla pari con Garay, e della ormai certa cessione di almeno due centrocampisti fra Banega, Brozovic e Kondogbia. Da valutare le posizioni di Joao Mario e Gabigol che, dopo  aver abbandonato la panchina in maniera stizzita per il mancato ingresso domenica scorsa, potrebbero salutare i nerazzurri ad un solo anno dal loro arrivo.