Inter, duello con la Fiorentina per Praet

0

Fino a pochi giorni fa sembrava vicinissimo alla Fiorentina, ma ora Dennis Praet entra a sorpresa nei radar di un’altra big italiana, che vuole assicurarsi il cartellino di uno dei migliori talenti Under-21 d’Europa (4 gol e 7 assist in stagione) e piazzare un grande colpo di mercato, battendo la concorrenza degli altri club europei e della Fiorentina stessa.

Si tratta dell’Inter, che a sorpresa, si è inserita nella giornata odierna nella corsa alla stellina dell’Anderlecht: i nerazzurri avrebbero infatti incassato, stando alle indiscrezioni in nostro possesso, il totale gradimento del giocatore (perplesso invece riguardo alla Fiorentina), e starebbero valutando il suo possibile innesto in un reparto avanzato già abbastanza affollato, e appena rinforzato in ottica-2016/17 con l’acquisto di Ever Banega a parametro zero, a causa del mancato rinnovo col Siviglia.

L’eventuale innesto di Praet, pallino di Ausilio da parecchio tempo, sarebbe legato sia alle possibili cessioni (Perisic ha molte estimatori, e Ljajic rientrerà probabilmente a Roma), che all’eventuale fallimento della trattativa per l’altro svincolato che piace ai nerazzurri, quel Tonny Vilhena che è nel mirino anche del Milan e di alcuni club inglesi: il fantasista belga, un trequartista puro a differenza di Banega (che potrebbe anche giocare più indietro nel nostro campionato, essendo nato centrocampista centrale), al momento non rappresenta una priorità di mercato, ma la giovane età ed il prezzo non molto elevato (10-12 milioni) stuzzicano e non poco Ausilio, da sempre molto attento al campionato belga.

Un campionato che gli ha dato parecchi rimpianti, dato che Biglia ed Hazard erano stati ”scoperti” inizialmente dall’Inter, che poi mollò il colpo per un budget non elevato come ai tempi del Triplete, e dal quale Ausilio non vorrebbe ricevere l’ennesimo dispiacere: da qui nasce l’offensiva su Dennis Praet, e vedremo quale sarà l’esito di questa trattativa esplosa all’improvviso. La concorrenza è spietata e l’Inter deve sbrigarsi per non avere rimpianti.