Inter, finalmente Barella: il sardo in arrivo in sede per la firma

0
Barella
Nicolò Barella con la maglia del Cagliari. Il suo passaggio all'Inter è atteso ad ore. Fonte Wikimedia Commons

Altro colpo messo a segno dall’Inter con tempismo perfetto e grande determinazione. Nicolò Barella, dopo una serie infinita di tira e molla, oggi diventerà un nuovo giocatore nerazzurro per la gioia di tecnico e tifosi. La resistenza del patron del Cagliari Giulini ha finalmente ceduto sotto i colpi di un accordo già definito col giocatore e un’offerta che garantirà al club entrate per 50 milioni di euro.

Il ragazzo andrà ad unirsi ad un gruppo che inizia a contare già numerosi nuovi arrivi e a cui ancora altri  andranno ad aggiungersi da qui a qualche giorno. Eppure quello con Barella poteva essere un connubio sul quale per diverso tempo si erano affollate nere nubi all’orizzonte.

Il pressing della Roma era riuscito ad impensierire (e non poco) i vertici nerazzurri che vedevano le proprie offerte venire irrimediabilmente rimbalzate dagli omologhi rossoblu. Alla fine l’Inter è riuscita a spuntarla solamente grazie alla volontà del giocatore di raggiungere Conte a Milano e ad un’offerta che ha soddisfatto la dirigenza sarda.

Le cifre dell’accordo

Il giocatore si trasferirà sotto la “Madonnina” con la formula del prestito oneroso con obbligo di riscatto. L’Inter corrisponderà subito al Cagliari 12 milioni di euro, mentre nella prossima stagione verserà ancora altri 25 milioni per un totale di 37. Ulteriori 8 milioni saranno versati al raggiungimento di obiettivi dalla facile portata, mentre altri cinque faranno da bonus per obiettivi di più difficile raggiungimento.  Totale: 50 milioni di euro, esattamente la cifra a cui aspiravano fin dall’inizio i sardi.

In giornata Barella si legherà all’Inter con un contratto fino al 2023 e da domani sarà agli ordini di Conte nel ritiro di Lugano. L’Inter finora è stata la vera mattatrice del calciomercato nostrano aggiudicandosi, ad oggi, già 6 nuovi acquisti. Oltre a Barella, il club ha tesserato anche il portiere Brazao, il difensore Godin, il laterale Lazaro e i due mediani Sensi e Agoumè. La rivoluzione è appena cominciata.