Inter, il vice-Gagliardini è già in casa

0
Suning
Training Center Suning dell'Inter. Fonte WIkipedia

Uno dei talenti più chiacchierati della Serie B di quest’anno è certamente Giovanni Fabbian. Dopo appena 15 giornate ha già conquistato tutti a Reggio Calabria: il classe 2003 appartiene all’Inter, ma è stato ceduto in prestito alla Reggina di Pippo Inzaghi.

In 15 presenze ha messo a segno 5 reti e 1 assist. In coppia con un altro ex-Inter, Lorenzo Criseting, hanno preso in mano le redini del centrocampo calabrese, portando momentaneamente la Reggina al secondo posto del campionato cadetto, a meno 3 punti dal Frosinone capolista.

Fabbian è una mezzala promettente, che può giocare anche come centrale, grazie alle sue doti di interdizione. Bravo a leggere i movimenti dei suoi avversari e a giocare d’anticipo, è un giocatore duttile che spesso arriva a rimorchio calciando a rete. Tutte qualità che potrebbero far comodo ai neroazzurri nella prossima stagione, visto che il giovane centrocampista tornerà alla base.

In teoria dovrebbe essere nuovamente girato in prestito, stavolta in Serie A, ma nell’ottica di lanciare un giovane e di ridimensionare il monte ingaggi, potrebbe essere lui a prendere il posto di Gagliardini, al quale non sarà rinnovato il contratto (probabilmente, in caso di salvezza, firmerà per il Monza). Fabbian inoltre sarebbe inserito nella lista Uefa come prodotto del vivaio nerazzurro, un altro vantaggio di non poco conto in ottica futura“, sottolinea la Gazzetta dello Sport.

Certamente bisognerà evitare un Casadei-bis. Casadei, appunto, si è trasferito al Chelsea per la cifra di quindici milioni più bonus, con l’Inter che ha ceduto il giocatore senza volerci puntare in ottica futura. Adesso la strategia sembra essere cambiata: Fabbian è uno dei diamanti da sgrezzare, una di quelle pedine su cui investire nelle annate future, un giocatore che sa combinare fase difensiva e offensiva. Il ritorno alla base farebbe bene al classe 2003, che – magari con qualche centrocampista a fargli da chioccia – potrebbe anche esplodere a San Siro, diventando grande.