Inter, inizia l’era Conte. Promossi Handa e il ninja, addio Icardi- Perisic

0
Antonio Conte
Antonio Conte, ex allenatore dei blues, esonerato a luglio. Fonte WIkimedia Commons

Il patron Steven Zhang ha deciso: alla guida dell’Inter del futuro ci sarà Antonio Conte. L’allenatore leccese, esonerato dal Chelsea lo scorso luglio, è pronto a rimettersi alla prova in Serie A e l’Inter dell’amico Marotta è pronta ad accoglierlo.

Messe da parte le trattative sul proprio ingaggio e sulla durata del contratto, l’allenatore ha parlato con i dirigenti indicando già la sua visione della squadra. Il mister pare irremovibile sulla cessione di due campioni nerazzurri come Icardi e Perisic, rei entrambi di atteggiamenti dannosi all’armonia del gruppo.

Il posto del croato sarà affidato alla promettente ala del PSV Eidhoven: Steven Bergwijn, giocatore dotato di grande tecnica individuale e forza fisica. Mentre per prendere il posto dell’ex capitano, l’Inter aprirà un vero e proprio casting. I profili indicati dal tecnico sono al momento tre: Romelu Lukaku del Manchester United, Edin Dzeko in uscita dalla Roma e Duvan Zapata, punta-rivelazione del nostro campionato.

Ma non tutto è da buttare. Conte metterà le fondamenta per un’Inter vincente partendo dalla difesa, reparto ampiamente promosso dal mister. Nonostante l’età che avanza sarà ancora Handanovic a guardia della porta nerazzurra. Il resto del reparto sarà blindato con l’acquisto di Godin e da un paio di innesti sui laterali.

Sulla mediana invece si opereranno gli interventi più interessanti. I nomi sul taccuino di Marotta e soci sono quelli di Rakitic, Gundogan e Erikssen. Brozovic e Nainggolan saranno i pochi reduci di questa stagione. Da valutare la situazione di Vecino e Joao Mario. Solo uno dei due verrà trattenuto.