Inter, Marotta fa sul serio e per Zaniolo offre un top player

0
Nicolò Zaniolo
Fonte foto: Di Joe K. - Opera propria, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=77228217

L’Inter rompe gli indugi e si lancia all’assalto dell’ex Primavera, Niccolò Zaniolo. Il giallorosso scuote tutto l’ambiente meneghino che ora vuole poter contare su un prodotto del proprio vivaio nel prossimo futuro. Un’operazione che porterebbe in squadra un sicuro talento ormai maturo e un giocatore da poter schierare nella coppe senza riempire caselle in più.

A muoversi in prima persona sembra essere lo stesso Marotta che a breve si siederà attorno al tavolo delle trattative con i manager dei capitolini. La Roma, pur non volendo rinunciare al talentino classe 2000, dovrà per forza di cosa sacrificare i suoi pezzi più pregiati per salvare un bilancio che fa acqua da tutte le parti. Non sarà difficile infatti che durante la trattativa si possa passare a parlare contestualmente anche di altri top player in orbita Inter come lo stesso Dzeko.

Intanto però tutte le energie e l’attenzione dell’AD Marotta rimangono concentrate su Zaniolo in un duello già lanciato alla concorrente Juventus che pure punta forte sul giallorosso. I buonissimi rapporti con Pallotta e i suoi soci oltre che col giocatore che a Milano ha passato gli anni dell’adolescenza potrebbero essere la leva giusta per la cessione in favore dell’Inter.

Anche a livello finanziario i nerazzurri propongono alla Roma una doppia possibilità. La prima sarebbe quella dell’intero pagamento del cartellino del giocatore in denaro sonante, ipotesi ampiamente avallata dalla società giallorossa. L’altra è quella che vorrebbe come parziale contributo nella cessione il ritorno nella Capitale dell’ex Nainggolan in una sorta di scambio bis tra gli stessi interpreti dell’estate 2018.

La Roma per il momento non conferma nè smentisce la trattativa ma la possibilità di rimpinguare il conto corrente con almeno 60-65 milioni di euro è di quelle da non lasciarsi sfuggire. L’Inter è pronta a riabbracciare il prodotto del proprio vivaio e regalare a Conte un centrocampista utile in costruzione e temibile in area di rigore. Le parti sono vicine e non è escluso di assistere alla fumata bianca molto prima della fine del campionato.