Inter, Marotta punta tutto su Scamacca: “40 milioni? Saranno raggiunti con 2 contropartite”

"Come convincere Scamacca a scegliere il nerazzurro? Con il curriculum di una squadra che fa del gioco offensivo un comandamento"; a parlarne è la Gazzetta dello Sport

0
Beppe Marotta, fonte Flickr
Beppe Marotta, fonte Flickr

Gianluca Scamacca , si sa, è tra gli obiettivi principali della prossima sessione di mercato dell’Inter. In realtà, i dirigenti nerazzurri, avevano messo gli occhi sul giovane già da un po’, ma ora l’operazione starebbe per concretizzarsi.

La necessità del club nerazzurro è quella di trovare un sostituto di Dzeko e il classe ’99 rappresenta in tutto e per tutto il profilo ideale. La stretegia sarà questa qui: “Il concetto è chiaro: se la Juventus si getta con decisione su altri obiettivi – spiega La Gazzetta dello Sport -, o se comunque si va oltre la scadenza del mese di gennaio, allora la partita per Scamacca diventa molto aperta.

L’Inter sente di avere molte carte da giocarsi per vincerla. Ma è un ragionamento che vale anche per Frattesi – risponde all’identikit di Marotta per il futuro “made in Italy”. Serve un investimento importante: il Sassuolo non tratta per meno di 40 milioni di euro. Ed è una valutazione che i nerazzurri sono disposti a raggiungere, a patto di inserire almeno una contropartita tecnica.

In realtà i nomi individuati sono due: il difensore Pirola e l’attaccante Pinamonti. Come convincere Scamacca a scegliere il nerazzurro? Con il curriculum di una squadra che fa del gioco offensivo un comandamento.

E con la garanzia di un’eredità importante da raccogliere, quella di Dzeko. Attenzione, allora: al di là delle parole di Marotta, l’attacco del futuro dell’Inter è tutt’altro che definito”.