Inter, Medel sempre più vicino al Siviglia

0

Ormai in casa Inter l’attenzione è rivolta tutta a Joao Mario e Gabigol, due colpi di mercato davvero importanti e soprattuto dispendiosi. L’Inter infatti per assicurarsi i due giocatori ha dovuto investire complessivamente circa 70 milioni di euro. Una cifra insostenibile per una società con diversi problemi economici legati al fair play finanziario come quella dell’Inter. Urge un sacrificio sul mercato e quindi di una cessione. Dopo Brozovic, che rimane il primo nella lista dei sacrificabili, si è parlato di un interesse del Siviglia per Gary Medel.

 

SAMPAOLI CHIAMA- Medel cosi potrebbe lasciare l’Inter. Ne sono convinti soprattutto in Spagna, da dove, nelle ultime ore, è stata nuovamente caldeggiata l’ipotesi di un’offerta del Siviglia per il centrocampista cileno, vincitore dell’ultima Copa America con la sua Nazionale. Voci che si susseguono, con alti e bassi, da quando Sampaoli, ex commissario tecnico del Cile, è diventato tecnico della formazione andalusa. Proprio Sampaoli avrebbe richiesto fortemente alla sua dirigenza l’acquisto del mediano classe 1987 di Santiago.

In Spagna, peraltro, l’ottimismo è alto, almeno stando al quadro della situazione fatto dal giornale locale ‘El Decano Deportivo’. L’offerta degli spagnoli però è di soli 8 milioni di euro, mentre l’Inter ne chiede almeno 12 per privarsi del suo numero 17. Che, peraltro, alla prima giornata di campionato ha subito trovato spazio contro il Chievo, rendendosi utile per tamponare le offensive dei gialloblu. Voluto fortemente da Mazzarri nell’estate 2014, Medel si confermò con Mancini (che al suo arrivo-ritorno a Milano lo pose in cima alla lista dei giocatori che lo avevano sorpreso di più) e potrebbe riuscirci anche adesso con de Boer, a prescindere dall’imminente arrivo di Joao Mario. Resta da capire se la società nerazzurra porrebbe il veto a una sua cessione, e se il cuore potrebbe pesare nella scelta del giocatore stesso: a parte Sampaoli, suo mentore in Nazionale, il ‘Pitbull’ ritroverebbe anche il Siviglia, club in cui ha già militato dal 2011 al 2013, prima di trasferirsi al Cardiff City.