Inter, parla l’agente di Yaya Touré: “Se Yaya è il solo colpevole, siamo pronti ad andare via. Già due club alle porte..”

0

E’ il giorno del derby, ma all’Inter arriva già una buona notizia. L’agente di Yaya Touré, centrocampista 31enne del Manchester City al centro del mercato nerazzurro per la prossima stagione, apre ad un possibile addio dell’ivoriano al club di Manuel Pellegrini. “..due dei più grandi club mi hanno già chiesto se è disponibile“. Probabile che uno dei due sia l’Inter, dato che Mancini non ha mai fatto mistero dell’ammirazione nei confronti del capitano del City, già allenato nella sua esperienze oltremanica.

Per arrivare a Touré, però, sarà necessario un importante esborso economico da parte del club di via Turati e soprattutto battere la concorrenza di numerose squadre pronte a tutto per l’ivoriano: “Se al City sono preoccupati per i soldi – continua Selukallora dico loro di non preoccuparsi, possono tranquillamente tenersi i soldi, perché so che ci sono altre squadre pronte a pagare Yaya quello che guadagna ora”.

Il Manchester City, fuori dalla Champions League e quarto in Premier, ha deluso ancora una volta le grandi aspettative di inizio stagione. Tra i colpevoli, dopo stagioni da autentico trascinatore, spunta il nome del Pallone d’Oro africano, autore secondo stampa e tifosi di un’annata incolore: ” Yaya ha avuto un anno molto difficile. Ha partecipato alla Coppa del Mondo e alla Coppa d’Africa e ha giocato quasi ogni minuto in tutte le partite del City. Inoltre, suo fratello è morto l’anno scorso ed è ancora molto colpito dalla scomparsa. Il problema vero – incalza Seluk – è che il City vuole far fare tutto a Yaya, vogliono che segni, che faccia gli assist, che difenda e che imposti. Ma lui non può fare tutto da solo. Comunque – prosegue – se il City vuole lasciare Yaya allora dovrebbero dircelo e stop”.

Le parole dell’agente sanno di rottura totale con i Citizens. Ora l’addio, a giugno, non sembra più un miraggio: “Alcuni dirigenti del City stanno cercando di incolpare Yaya per quanto è successo in questa stagione – attacca Seluk -, mentre loro non si assumono alcuna responsabilità dei propri errori, come acquistare giocatori per un sacco di soldi per poi metterli in panchina, penso ad esempio a Stevan Jovetic. Mi dispiace per Pellegrini – ha aggiunto l’agente -. Lui è un buon allenatore, ma un debole manager e ha vinto il titolo con la squadra lasciatagli da Roberto Mancini“. Già, Roberto Mancini, sarà solo un caso che chiuda la propria dichiarazione con il nome dell’attuale allenatore dell’Inter? I tifosi interisti, in vista del derby di questa sera, hanno già aperto i propri “sogni nel cassetto”.