Inter, per la Coppa Italia poco turnover: big in campo e riposo cancellato

0
Supercoppa Italiana, fonte By Lingonn84 - Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=38107694
Supercoppa Italiana, fonte By Lingonn84 - Own work, CC BY-SA 4.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=38107694

L’Inter cerca di ritrovare in Coppa Italia le certezze un po’ smarrite nell’ultimo match di campionato che le ha fatto perdere la testa della classifica. Un’occasione per ritornare sul luogo del delitto (l’erba del San Siro) e provare a superare di slancio la deludente prova offerta contro i bergamaschi appena due giorni fa.

Conte avrebbe voluto arrivare a questa sfida con una rosa più ampia o, almeno, con la possibilità di schierare in campo anche chi finora ha raccolto poco in termini di minutaggio. Peccato che invece le cose molto probabilmente non andranno come preventivato e molti big saranno costretti agli straordinari contro il Cagliari.

In difesa ritorna lo slovacco Skriniar assente per squalifica in A. Verosimilmente verrà concesso un turno di riposo all’altro centrale De Vrij. Bastoni e Godin completerenno il reparto. Tuttavia ci sono chance anche di rivedere in campo l’ex capitano Ranocchia. Sarebbe la sua terza apparizione stagionale. Pacchetto difensivo che dovrà comunque fare a meno di Danilo D’Ambrosio. Gli uomini restano contati all’Inter, una vera maledizione per Conte.

A centrocampo spazio all’esterno Lazaro che garantirà un po’ di relax allo spremutissimo Candreva. Il romano soffre le tante gare in rapida successione e contro la Dea ha fornito una delle sue performance più deludenti. Seguirà la gara dalla panchina. Medesima sorte anche per Vecino e Sensi. Il peso della linea mediana ricadrà quindi su Borja Valero, Niccolò Barella e il recordman di presenze in nerazzurro Brozovic.

In avanti Conte è deciso a concedere almeno ad uno dei suoi attaccanti un minimo di riposo lanciando dal primo il baby Esposito. Difficile dire chi tra Lautaro Martinez e Lukaku si accomoderà in panchina. Chiunque sia troverà al suo fianco Alexis Sanchez: la condizione del cileno migliora di giorno in giorno ma sarà difficile ritrovarlo a sgambettare in campo prima di febbraio.