Inter, Perisic da sicuro partente a preziosa risorsa per Conte

0
Ivan Perisic
Ivan Perisic, giocatore dell'Inter , in foto con la maglia della nazionale croata. Fonte WIkimedia Commons

In molti hanno letto il “no” alla Roma come un chiaro segnale che Antonio Conte sia sempre più vicino ad approdare a Milano, sponda nerazzurra. La voce era iniziata a girare già qualche settimana fa e ancora altre ce ne vorranno per la conferma ufficiale, ma in Corso Vittorio Emanuele ormai sono già tutti pronti ad accoglierlo.

Nonostante l’ufficialità ancora lontana, la “longa mano” di Conte sembra già aver preso il controllo della Pinetina. Il tecnico ha parlato più volte con i vertici interisti, esprimendo il suo placet su alcuni uomini in rosa e bocciandone altri. Perisic sembra uno di quelli che con Conte sarà assurto a vero pilastro della prossima Inter, per lui non si accetteranno offerte di sorta.

Il progetto dell’allenatore salentino è quello di imprimere una nota di chiarezza sulla formazione che scende in campo. Nessuno dovrà più sorbirsi doppi e confusionari incarichi , ognuno avrà il suo compito ben definito e non sovrapponibile ad altri. Un po’ quello che invece Spalletti ha sempre chiesto ai suoi.

I terzini che quest’anno si proponevano poco e gli interni di centrocampo che a turno si spingevano avanti per dare sostegno alla punta saranno solo un lontano ricordo. I ruoli saranno definiti già a partire dalla preparazione estiva e tali rimarranno per tutta la durata del campionato. Chiarezza, appunto.

Come detto in precedenza, colui che ne beneficerà di più sarà il croato Ivan Perisic che, quest’anno si è dovuto più volte sacrificare nel triplo ruolo di esterno sinistro, mezzala  e attaccante di sostegno. Il dispendio di energie è stato tale da farlo scomparire dal campo in diverse occasioni di gioco danneggiando molte delle sue prestazioni. Conte, che pretende dai suoi impegno e lucidità sotto porta, lo trasformerà in un esterno sinistro a tutta fascia. Ciò gli garantirà freschezza e spinta in attacco, fase in cui quest’anno l’Inter ha maggiormente deluso.