Inter, si prova il tutto per tutto per Taremi

0
Mehdi Taremi in Coppa d'Asia del 2019, fonte: Wikipedia

I ritorni estivi di Arnautovic e Sanchez in maglia nerazzurra non hanno convinto fino ad ora. Entrambi arrivavano da esperienze positive: il cileno con il Marsiglia, ha realizzato ben 18 goal tra Champions, Coppa di Francia e Ligue 1, mentre l’austriaco con il Bologna ha messo a segno 25 reti in due stagioni.

A Milano invece, i numeri sono tutt’altro che esaltanti: Arnautovic, frenato anche da un lungo infortunio, in 17 presenze ha realizzato solo un goal (in aggiunta pesa la recente prestazione  “horror” contro il Verona, che poteva costare punti preziosi per la corsa scudetto), mentre Sanchez ha segnato solo due goal in Champions League, mentre è ancora a secco in campionato.

Per questo motivo, Inzaghi ha utilizzato quasi sempre la coppia Thuram-Lautaro, ruotandoli in rare occasioni. La dirigenza nerazzurra proverà a dare fiducia ai due neo-acquisti, così non intervenendo nel mercato di gennaio, viste anche le poche opportunità offerte dalla sessione. Infatti si lavorerà in prospettiva, per il mercato di giugno.

Una opportunità potrebbe essere sicuramente Taremi, attaccante iraniano in forza al Porto, che in questa estate era stato molto vicino al Milan. Il classe 92′ è in scadenza per questo giugno. Nei giorni scorsi, conferma Tuttosport, un intermediario di fiducia del centravanti persiano si è presentato nella sede nerazzurra in Viale della Liberazione: Marotta ha ribadito l’intenzione di mettere sotto contratto il 31enne.

Un altro punto al favore dell’attaccante dei dragoni, è che a partire da luglio 2024, per le regole vigenti in Portogallo, diventerà comunitario, non ponendo il problema degli slot da extracomunitario. Dal punto di vista tecnico e fisico, le caratteristiche di questo profilo rispecchierebbero quelle ricercate da Inzaghi, ossia un mix tra Dzeko e Lukaku.