Inter, si va verso il riscatto di Perisic: 20 milioni in più per Marotta&co.

0
Ivan Perisic
Ivan Perisic, giocatore dell'Inter , in foto con la maglia della nazionale croata. Fonte WIkimedia Commons

Buone notizie arrivano dalla Bundesliga dove, il Bayern Monaco capolista è sempre più convinto della centralità di Ivan Perisic nel progetto di Flick. L’attaccante esterno croato ha trovato in Baviera un clima e un club di cui sente la incondizionata fiducia. La squadra dal canto suo sa di poter fare affidamento su un giocatore tecnicamente dotato e dalle pretese economiche non troppo esose. Insomma gli ingredienti per un matrimonio felice ci sono tutti. Manca soltanto l’ufficialità e poi sarà addio all’Inter.

I nerazzurri non rimpiangeranno troppo Perisic. La sua avventura all’Inter era bella che finita già mesi prima dell’arrivo di Conte alla guida del club. Con l’arrivo del salentino le cose sono solamente diventate ufficiali con un prestito in Bundesliga dove aveva lasciato non pochi estimatori.

Nonostante un inizio balbettante e qualche apparizione di troppo in panchina più che in campo, Perisic è riuscito a convincere tutti al Bayern. Una fantastica parte centrale ne ha immensamente fatto crescere le azioni all’interno dello spogliatoio dove oggi è un punto fermo, nonostante l’infortunio che lo tiene lontano dal campo dal 4 febbraio scorso. Tutto fa pensare che al termine della stagione i tedeschi si presenteranno a Milano con i fatidici 20 milioni previsti dalla clausola per il diritto di riscatto e a quel punto giocatore e Inter si saluteranno per l’ultima volta.

Una vera manna dal cielo per i libri mastri dei conti meneghini che potranno contare su un’infusione di liquidi davvero insperata. Venti milioni che aiuteranno la società a dare la caccia agli obiettivi sensibili della prossima sessione di calciomercato in ottica 2020/21. Fa festa, dunque, Marotta che vede l’ennesima plusvalenza messa a segno e i frutti di una intelligente partnership con i bavaresi. I contatti ricevuti per il croato erano diversi a inizio stagione. Il DS si è dimostrato lungimirante alla soglia del divinatorio azzeccando la mossa giusta con i tedeschi.