Inter-Slavia Praga: le probabili formazioni. Il debutto a San Siro è da brividi

0
Champions League, fonte Flickr
Champions League, fonte Flickr

Sale la febbre per il debutto stagionale in Champions League della banda nerazzurra. San Siro si trasformerà, ancora una volta, in una bolgia festante per la squadra che stasera sfiderà lo Slavia Praga nella gara inaugurale della kermesse continentale. L’attesa cresce di minuto in minuto e attorno allo stadio si è già raccolta una piccola folla di tifosi che a breve si trasformerà in una fiumara umana. L’Inter si presenta all’appuntamento europeo da prima della classe in Italia. Difficile immaginare che la squadra di Conte e soci voglia steccare alla prima apparizione nel torneo che porterà fino alla finale di Istanbul del 30 maggio.

Come scenderà in campo l’Inter?

Tempo di scelte per mister Conte. In tutte le aree del campo sono aperti difficili ballottaggi tra più contendenti ad un unico posto. A difesa della porta presidiata dal più che confermato Handanovic è aperta la caccia ad un posto da titolare tra Godin, De Vrij e D’Ambrosio. Uno dei tre dovrà accomodarsi in panchina. Gli altri due si uniranno a Skriniar, sempre più padrone della retroguardia nerazzurra. A centrocampo, al netto di un ballottaggio con il redivivo Candreva si potrebbe ritornare a vedere anche Valentino Lazaro. L’austriaco, dopo i tanti proclami in pre-season, è incappato in un infortunio che gli ha precluso finora il debutto in squadra. In mediana Gagliardini sarebbe in vantaggio rispetto a Barella e Vecino. Probabile che sia lui ad andare a completare il reparto con Sensi, sempre più anima della squadra e Brozovic. In avanti è quasi certo il ritorno dell’attacco pesante con Lautaro Martinez al fianco di Lukaku. Al belga, ancora dolorante alla schiena, si chiederà di stringere i denti e scendere in campo con l’argentino. Poche chance di vedere dal primo Politano o Sanchez. Per loro si prospetta l’iniziale panchina e l’eventuale entrata in corso.

La situazione dello Slavia Praga

Il team di Trpisovsky arriva anch’esso da imbattuto nella lega nazionale. La squadra arriva a Milano da prima in classifica e con una differenza reti di +17 in 9 giornate di campionato. Il morale è alto e cercherà di vendere cara la pelle considerato il suo ingresso nelle urne di Monaco in quarta fascia. La formazione sarà quella che solo pochi giorni fa ha liquidato lo Slovacko, senza troppi patemi, con un rotondo 3 a 0. Unica novità rispetto a quella gara la presenza di Van Buren al posto di Skoda.

Inter (3-5-2): Handanovic; D’Ambrosio, De Vrij, Skriniar; Lazaro, Gagliardini, Brozovic, Sensi, Asamoah; Lautaro Martinez, Lukaku.

Slavia Praga (4-5-1): Kolář; Coufal, Kúdela, Hovorka, Bořil; Masopust, Traoré, Souček, Stanciu, Olayinka; Van Buren.